Con “Miele” e “Cortometraggi” non è più la Giusy Ferreri di una volta. Sanremo 2022 segna il salto della dea dei tormentoni estivi verso un futuro, sparso di ricordi, più autentico e forte.

È una Giusy Ferreri in stato di grazia quella che ci ha regalato il Festival di Sanremo del 2022, che paradossalmente lega il suo successo alla contemporaneità dei due diamanti del pop Mahmood e Blanco e alla leggerezza contagiosa dei nuovi fenomeni commerciali firmati Amadeus, da La Rappresentante di Lista a Ditonellapiaga, passando per Tananai Dargen D’Amico.

La nuova Giusy Ferreri non vive di soliti tormentoni d’ombrellone, ma anche di proiezioni musicali che attingono dalle grandi melodie del passato, come ci ha dimostrato con “Miele”, canzone che ha segnato il grande salto di qualità in quel di Sanremo, o o da suoni dalla matrice rock. Il filo rosso che lega le dodici tracce del nuovo lavoro discografico è una malinconia amorosa e cinematografica che esalta la timbrica corposa e personale di Giusy Ferreri. Quella in cui ha creduto in primis Simona Ventura, che spettacolarizzandola nella prima edizione di X Factor, l’ha strappata alla cassa dell’Esselunga e trasformata in una pop star che si è tenuta viva nei mesi caldi e che ora, in pieno inverno, sa anche togliere via i fiocchi e fiocchetti e dimostrarci che oltre al prodotto c’è di più.

L’album “Cortometraggi”, il sesto in discografia, è il giusto incontro tra le due anime, quella più commerciale e quella più artistica, e trova la massima espressione proprio in “Miele”, una perla dalla bellezza fuori moda che ha incastonato prima nella tracklist della compilation di Sanremo 2022 e poi in quella del suo nuovo album, uscito proprio oggi, venerdì 18 febbraio, per Sony Music su etichetta Columbia Records. Non vi aspettate un album di rottura, sulla scia di un brivido colto, perché il pop leggerissimo di Roberto Casalino, che l’ha resa famosa, c’è ancora, seppur senza la stessa efficacia. Le minestre riscaldate ritornano rivisitate in chiave amarcord e aprono tutte le porte ad un futuro senza più logiche. Giusy Ferreri è in sostanza la stessa di sempre, ma canzoni come “Gli Oasis di una volta” e “Federico Fellini” ce la fanno sentire nuova, come una bravissima equilibrista tra il già ascoltato e un’altra Giusy possibile, ugualmente potente. Il nuovo lavoro prosegue con gli inediti contorni di “Angoli di mare” e “Cuore sparso”, in cui si lascia indietro il passato, e termina con “Ricordo”, il cortometraggio musicale più autentico in cui l’artista ritrova e respira appieno quella cantautrice di Palermo che ha saputo fare bagaglio della propria esperienza.

LEGGI Takagi & Ketra, Giusy Ferreri: “Shimmy shimmy” ha bisogno di socialità

DICHIARAZIONI

Così Giusy Ferreri commenta così il suo nuovo progetto discografico: «Il titolo “Cortometraggi” nasce dai miei live. Durante i concerti amo definire alcuni brani che ho scritto come dei cortometraggi musicali e questo album racchiude come la narrazione di tanti piccoli film che esprimono concetti, situazioni e stati d’animo di vario genere. Ogni cortometraggio è un piccolo viaggio che ogni volta ha sapori e atmosfere differenti, colori, stili, generi e intensità diverse. È bello pensare che ogni individuo viva ogni giorno una sorprendente quotidianità che spesso varia e a volte si ripresenta ciclicamente».

E su “Miele”, il singolo che fa da lancio all’album, afferma: «“Miele” è una parentesi musicale romantica dal sapore retrò. Quando lo canto mi sembra di vivere uno spostamento spazio-temporale, come un magico e dolce viaggio nell’attesa del ritorno di un amore».

ALBUM

Oggi, venerdì 18 febbraio, esce per Columbia e Sony Music “Cortometraggi”, il nuovo album di inediti di Giusy Ferreri contenente “Miele”, brano dalla matrice colta e popolare con cui l’artista è stata in gara al 72° Festival di Sanremo, e il singolo precedente “Gli Oasis di una volta”, ballad che evidenzia il lato più profondo e rockeggiante della voce dell’artista, con un testo malinconico e introspettivo che avvicina il brano alle origini della sua produzione. “Cortometraggi”, disponibile in formato CD e vinile, è il sesto album in studio di Giusy Ferreri e arriva a 5 anni di distanza dal precedente “Girotondo”, uscito nel 2017.

LEGGI Liam Gallagher convince alla grande con il suo “Why Me? Why Not”

TRACKLIST

Questa la tracklist di “Cortometraggi”: 

  1. Miele
    (di Fabio Clemente, Alessanro Merli, Federica Abbate, Davide Petrella
    Edizioni: Universal Music Publishing Ricordi Srl – Hitaka Srls, Faber Srls)
  2. Qualsiasi amore
    (di Davide Simonetta, Paolo Antonacci, Roberto Casalino
    Edizioni: Eclectic Music Group – Universal Music Publishing Ricordi Srl – CasaKiller – Music Union – Curci Edizioni)
  3. Federico Fellini
    (di Diego Mancino – Giulia Anania – Daniele Coro
    Edizioni: Sugarmusic Spa – Warner Chappell Music Italiana Srl – Interno 32 Srl)
  4. Gli Oasisi di una volta
    (di Pietro Romitelli – Gaetano Curreri – M. Fanizzi – Gerardo Pulli – Giusy Ferreri
    Edizioni: Sony Music Publishing Italy Srl – Warner Chappell Music Italiana Srl – Giamaica Edizioni Musicali Srl Origina – G.G.F. Music Srl)
  5. Causa effetto
    (di Bungaro – Cesare Chiodo – M. Valicelli
    Edizioni: Music Union Srl)
  6. Angoli di mare
    (Vincenza Casati – Saverio Grandi
    Edizioni: Cafè Concerto Italia Srl – Edizioni Curci Srl)
  7. L’Amore è un tiranno
    (di C. Frigerio – F. Dalè – Diego Mancino
    Edizioni: Sugarmusic spa, Warner Chappell Music Italiana Srl)
  8. La forma del tuo cuore
    (di Diego Macino – M. Curallo
    Edizioni: Sugarmusic Spa)
  9. Quello che abbiamo perso
    (di Diego Mancino – Daniele Coro – Virginio
    Edizioni: Sugarmusic Spa – Mp Film Srl – Warner Chappell Music Italiana Srl – Interno 32 Srl)
  10. Cuore sparso
    (di Giovanni Caccamo – Paolo Antonacci – P. Salamone
    Edizioni: Basta Edizioni Musicali Srl – Edizioni Curci Srl – Eclectic Music Group Srl – BMG Rights Management Italy Srl)
  11. Il Diritto di essere felice
    (di Marco Masini – Antonio Iammarino
    Edizioni: Copyright Control)
  12. Ricordo
    (di Giusy Ferreri
    Edizioni: G.G.F. Music Srl)

GLI AUTORI DEI “CORTOMETRAGGI” 

Sono tanti gli artisti e autori che hanno prestato la propria penna e il proprio talento a questo nuovo progetto musicale di Giusy. Tra questi figurano firme come Virginio (autore di Laura Pausini), Vincenza Casati (autrice di Mietta), Giulia Anania, Daniele Coro, Davide Simonetta, Roberto Casalino, Diego Mancino, Giovanni Caccamo, Bungaro, Marco Masini, che torna a scrivere per Giusy in “Il diritto di essere felice”, e Gaetano Curreri, tra gli autori (insieme a Piero Romitelli, Mario Fanizzi, Gerardo Pulli e la stessa Giusy Ferreri) del primo singolo estratto dall’album, “Gli Oasis di una volta”. Il disco, inoltre, è chiuso da “Ricordo”, brano scritto dalla stessa Giusy Ferreri.

I 4 SANREMO DI GIUSY: MAI UNA GIOIA

Tra i 12 brani contenuti nel nuovo album c’è anche il singolo sanremese “Miele” (scritto da Takagi & Ketra, Federica Abbate e Davide Petrella), già disponibile su tutte le piattaforme digitali. Presentato in gara al 72° Festival di Sanremo, sul palco dell’Ariston, si è classificato alla terz’ultima posizione, la #23. Medesima posizione, al di sotto del valore artistico, anche quella che occupa nella classifica FIMI dei singoli più venduti della settimana (#23). E va poco meglio nell’Airplay Italiano del momento (#20). Un Sanremo non proprio da incorniciare per Giusy Ferreri dal punto di vista dei numeri. Il posizionamento peggiore è stato messo a segno addirittura con la cover di “Io vivrò (Senza  te)” di Lucio Battisti, realizzata in collaborazione con Andy dei Bluvertigo: penultimo posto (#24).

Ma Sanremo non l’ha mai annoverata tra le dive: nel 2011 si è classificata 10a su 14 con “Il mare immenso”, nel 2014 9a su 13 con “Ti porto a cena con me”, e nel 2017 addirittura non finalista con “Fa talmente male”. Quindi ben venga una canzone fuori moda come “Miele”, che trova la giusta collocazione nella OA PLUS Italian Chart, nota TOP 10 settimanale che premia la qualità. Giusy Ferreri ha utilizzato in due momenti del brano un megafono vintage  per trasformare la sua voce e trasportare da subito gli ascoltatori nel mood retrò del brano. Accanto all’eclettico direttore d’orchestra Enrico Melozzi, inoltre, è stato  posizionato un grammofono  d’epoca, altro elemento che ha contribuito a far immergere nell’atmosfera d’altri tempi del brano.

LEGGI Sanremo 2022: Giusy Ferreri spiega la presenza del grammofono sul palco

IL VIDEO DI “MIELE”

Il video ufficiale di “Miele”, scritto e diretto da Fabrizio Conte per la produzione di Borotalco.tv, è visibile sul canale YouTube di Giusy Fererri. Girato in piano sequenza, il video racconta le due facce di una storia d’amore, dove Giusy e il suo alter ego non riescono ad incontrarsi.

CONCERTI

In attesa di vederla tornare dal vivo questa estate nelle più belle località italiane, Coronavirus permettendo, si annunciano ora le due anteprime teatrali di questo autunno, prodotte e organizzate di Friends & Partners: il 1° ottobre al Parco della Musica di Roma (Sala Sinopoli) e il 3 ottobre al Teatro dal Verme di Milano. I biglietti sono ancora disponibili.

CARRIERA

Dal suo clamoroso esordio del 2008, quando Simona Ventura la lanciò ad X Factor nell’edizione vinta da Antonio Maggio, Michele Cortese e i restanti Aram Quartet, ad oggi, Giusy Ferreri ha collezionato risultati unici e straordinari costruendo una carriera di traguardi e record, tra hit radiofoniche, 1 disco di diamante e 18 dischi di platino.

Sono innumerevoli i brani che negli anni hanno mostrato l’incredibile capacità dell’ex cassiera dell’Esselunga di interpretare più generi e stili musicali, spaziando dal pop rock al pop d’ombrellone, genere che più la contraddistingue, dal blues alla world music. Tra i brani di maggior successo: “Roma Bangkok”, “Amore e Capoeira”, “Shimmy Shimmy”, “Jambo”, “La Isla”, “Non ti scordar mai di me” e “Novembre”.

Una vita segnata da grandi successi e importanti collaborazioni con alcuni dei nomi più rilevanti del panorama italiano quali Tiziano Ferro, Nicola Piovani, Marco Masini, Enrico Ruggeri, Rudy Marra, Gennaro Cosmo Parlato, Sergio Cammariere, Dardust, Takagi & Ketra, Tommaso Paradiso, Ermal Meta, Ania Cecilia, Giulia Anania, Vincenza Casati, Federica Abbate, Virginio, Giovanni Caccamo, Corrado Rustici, Michele Canova, Saverio Grandi, Davide Tagliapietra, Emiliano Cecere, Francesco Bianconi, Federico Zampaglione, Gaetano Curreri, Bungaro e molti altri, e con Linda Perry autrice internazionale.

LEGGI “La Isla” firmata Ferreri-Lamborghini è più debole del previsto

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su TWITTER

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su INSTAGRAM

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Clicca qui per scoprire i vincitori dell’OA PLUS MUSIC AWARDS 2021

Foto promozionali di Giusy Ferreri: per gentile concessione di PAROLE & DINTORNI (Crediti Foto: Cosimo Buccolieri)


TalentONE (WEEK 07/2022): Hotel Monroe, Monica P, Gisella Cozzo, Johara, SounDelirio

Mogol capo giurato: sfuma il sogno Eurovision di Achille Lauro?