L’Epifania tutte le feste porta via ma non la OA Plus International Chart, la classifica dei migliori brani internazionali che torna con una nuova week parade, la prima del 2021. Una classifica che la Redazione di OA Plus ha reso quasi tutta al femminile per iniziare col in nuovo anno. Douglas Dare è l’eccezione maschile della settimana. Tra i tanti debutti figurano la cantante e attrice israeliana naturalizzata statunitense Liraz, la cantante francese Yseult e l’immancabile cantante inglese Celeste.

⬆️ #10 ALYSSHA JOY – BETTER

Ritorna in classifica l’artista jazz australiana Allysha Joy, pronta a stupirci con il suo ultimo singolo “Better”. Il brano fa parte dell’EP Light it Again e parla di lotte esterne ed interne per rendere il mondo un posto migliore e più compassionevole.

Così spiega alla stampa: “Si tratta di sorprendermi a puntare il dito verso l’esterno per sfidare i sistemi politico-sociali e alcuni individui, per poi rendermi conto che devo voltare il dito su me stessa per chiedermi: come posso fare meglio, come posso conoscere meglio?”

⬇️ #9 DOUGLAS DARE FEAT LONDON CONTEMPORARY ORCHESTRA

Al nono posto troviamo un magnifico Douglas Dare che ci offre la sua “Heavenly Bodies”. La title track dell’omonimo EP è uscito l’11 dicembre e vede la collaborazione con la London Contemporary Orchestra. Il video, girato a settembre e in pieno lockdown, è stato girato nella chiesa di St John of Jerusalem ad Hackney, Londra.

All’interno dell’EP si trova anche una versione rivista da Dare stesso del brano “Dance Me to the End of Love”, brano di Leonard Cohen.

LEGGI LA RECENSIONE: Douglas Dare mette in musica i suoi turbamenti in “Milkteeth”

⬇️ #8 SILVIA PÉREZ CRUZ – TANGO DE LA VIA LACTEA

Drastico crollo all’ottava posizione per l’artista spagnola Silvia Pérez Cruz con il suo nuovo singolo “Tango da La Vioa Lactéa”. Si tratta del terzo estratto dal suo ultimo progetto discografico “Farsa (genèro imposible)”. Il brano è accompagnato da un videoclip a cui hanno preso parte Rocío Molina e l’attrice Alba Flores.

“Il testo è arrivato dopo una conversazione con Rocío in cui ha spiegato che voleva che parlassi in una lettera di latte, seme, seno” – ha commentato Pérez in merito al brano – “Ho deciso che la musica sarebbe stata un tango dopo aver visto sua madre muovere i piedi come faceva lei. Fa tango; in breve, è un tango per la madre di Rocío che parla delle preoccupazioni di Rocío e delle mie.”

⬆️ #7 ELENI FOUREIRA – DOKIMASE ME

Ci spostiamo in Grecia grazie ad Eleni Foureira e la sua “Dokimase Me”. Il brano, totalmente in greco, è il secondo singolo dell’album “Light It Up” previsto per dicembre. A differenza di “Light It Up”, in questo singolo Eleni ci vuole trasportare negli anni ’80 ma con la stessa grinta che ci ha offerto nel primo singolo.

Eleni si è esibita il 2 gennaio per la tv greca con una magnifica versione, più vicina alla dance del brano, in occasione dei MAD Video Music Awards 2020, dove ha vinto due premi.

⬇️ #6 BIRDY – BLUE SKIES

Scende alla sesta posizione la cantautrice e musicista inglese Birdy con il suo singolo “Blue Skies”, cover del celebre singolo con cui Ella Fritzgerald vinse un Grammy Award nel 1958. Il brano fu scritto originariamente nel 1926 da Irving Berlin ed è stato interpretato da molteplici artisti nel corso della storia.

⬆️ #5 MILEY CYRUS FEAT DUA LIPA – PRISONER

Uno dei duetti dell’anno sicuramente è sicuramente quello tra Miley Cyrus e Dua Lipa in “Prisoner”, secondo singolo estratto dall’album di Miley “Plastic Hearts”. Un singolo accompagnato da un video in cui le due artiste ci offrono lesbian vibes potenti e non possiamo che esserne felici.

LEGGI LA RECENSIONE: “Plastic Hearts”: la libertà secondo Miley Cyrus

???? #4 SZA – GOOD DAYS

Primo debutto del 2021 coinvolge la cantautrice statunitense SZA. L’artista R&B torna con il nuovo singolo “Good Days”, di cui aveva dato un’anteprima diversi mesi fa nel video di “Hit Different”. Pubblicato nel giorno di Natale 2020, si avvale della voce addizionale del co-autore Jacob Collier ed è un brano perfetto per questi giorni di “quarantena”, in cui SZA impara e si gode le cose semplici della vita.

???? #3 LIRAZ – BIA BIA

Apre la nostra top 3 la fascinosa e combattiva artista israelo-persiana Liraz con il suo nuovo singolo “Bia Bia”. Il brano è l’ultimo estratto dal suo secondo lavoro discografico “Zan”, che significa donne in farsi, in omaggio a tutte quelle donne come lei che cercano di abbattere i muri costruiti da culture oscurantiste come quella da cui deriva.

“È una richiesta di rivoluzione d’amore, chiedendo la gioia che viene dalle cose semplici e più piccole della vita”, spiega la cantautrice in merito a “Bia Bia”. “Ballare, gioire e vivere insieme in tempi difficili e insoliti. Nella canzone, chiedo al mio amore di non cadere e di rompere entrambi i nostri cuori. Abbi il coraggio di unirti a me.”

???? #2 YSEULT – BAD BOY

Una bellissima e sexy Yseult ci stupisce nel video del suo ultimo singolo “Bad Boy”. Un video in cui la cantautrice francese sperimenta il bondage per la prima volta (clicca qui per vederlo).

Il brano, tuttavia, non ha niente a che vedere con le pratiche erotiche del Bdsm. Narra di una ragazza che è talmente innamorata di un uomo da perdere la ragione ed essere manipolata.

???? #1 CELESTE – LOVE IS BACK

Chiude la prima International Chart del 2021 Celeste, ormai residente fissa nella prima posizione della classifica grazie alla serie di singoli pubblicati a breve distanza l’uno dall’altro. Il nuovo si intitola “Love is Back”. Una perla che l’artista soul inglese ha voluto regalarci per concludere al meglio il 2020.

Celeste ha presentato questo brano, come lancio promozionale del suo album di prossima uscita, per la prima volta nel programma di fine anno Jools’ Annual Hootenannyandato in onda sulla BBC 1.

LEGGI LA RECENSIONECeleste, è nata una stella? La Compilation 1.1

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Maluma ora cerca sesso senza amore. Sull’onda del successo esce “Cielo a un diablo”

Cinema. “Jungle Cruise”