Non si dà per vinto Leo Gassmann. Il figlio dell’attore e sex symbol Alessandro Gassmann, dopo aver visto la sua canzone per Sanremo 2021 cestinata dal direttore artistico Amadeus per far posto all’ex rivale Fasma, non appende al chiodo la chitarra.

L’aspirante pop star sembra pronta a sfruttare al meglio le sue doti, anche quelle più nascoste.

Eccolo dunque – forte del quinto posto ad X Factor nel 2018 e della vittoria al Festival di Sanremo come Nuova Proposta nel 2020 – nello studio di registrazione “Angelo Studio” di Ron a Garlasco, in Lombardia, in procinto di ultimare il suo prossimo lavoro discografico. Lo spoiler arriva con un post sulla sua pagina artista Facebook:

“Questo uno scatto di qualche settimana fa nello studio di un grande maestro come Ron che ci ha gentilmente ospitati e accompagnati in una parte del nostro percorso.
Sono onorato e emozionato.
Manca sempre meno e si riparte con i piedi ben saldi a terra ma con la mente oltre ogni confine”.

Dopo l’album di debutto “Strike”, accolto con gelo da pubblico e critica (da leggere la recensione di OAPlus), Leo è pronto a conquistare e a sorprendere come non mai.

Ma non solo artisticamente parlando. Prendendo spunto dal padre, da cui ha ereditato una certa bellezza, anche se in formato bonsai, il cantante surriscalda l’attesa del suo ritorno posando per Icon magazine.

Eccolo dunque chiuso in una camera dell’Hotel D’Inghilterra, nel cuore di Roma, ad ammiccare all’obiettivo con pose sexy, con le mutande e probabilmente anche senza sotto le lenzuola. Ecco qui le foto che trasudano erotismo e sensualità e che fanno intravedere nuove potenzialità!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ICON (@iconmagazine)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ingressolibero (@ingressolibero)

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Sanremo 2022: Ipotesi Massimo Ranieri e Serena Rossi alla conduzione

Gabriele Muccino furioso contro i David di Donatello: «Mai più i miei film in gara»