Il successo è arrivato comunque. Ma Fasma, con la sua “Parlami” durante Sanremo 2021 è passato forse fin troppo sottotraccia. A talento e carisma, tuttavia, ci siamo eccome.

PARLAMI | LA RECENSIONE

É stato una delle pochissime bombe inesplose del Festival Di Sanremo 2021. Ci si aspettava forse qualcosina di più da Fasma, artista che ha partecipato alla Kermesse piazzandosi al diciottesimo posto con “Parlami“, singolo pubblicato il 3 marzo per RCA/Sony.

Non che l’episodio che il Nostro ha deciso di proporre dopo aver moralmente vinto tra le nuove proposte nel 2020 sia scadente o poco funzionale, sia chiaro; il buon riscontro che il pezzo ha avuto lontano dalla riviera ligure, disco d’oro e ingresso in top 10 nella classifica airplay, è la conferma lampante di una scommessa tutto sommato vinta.

E allora qual è l’elemento che ha ha fatto passare “Parlamisottotraccia durante l’evento? Probabilmente la somiglianza palese con “Per sentirmi vivo“: l’artista romano ha infatti optato per la strada della continuità, confezionando un brano sulla scia di quel successo, dunque con quello stampo rap-pop rock che ha fatto grande proprio il cantante in questione; a questo giro però, a differenza della hit precedente, il tutto sembra leggermente più light e non propriamente incisivo, probabilmente perché pensato esclusivamente per un target molto, ma molto, giovane.

Eppure Fasma ha creatività e attitudine da vendere. Ce lo ricordiamo ancora oggi quando debuttò al Wind Summer Festival con la magnetica “Marilyn”, interessante, nuova, graffiante. Perché non riandare a pescare in vista del futuro proprio su quelle sfumature, magari non proprio accessibile ma di grande impatto? Lo scopriremo.

VOTO: 6/10

AGGETTIVO: RIPETITIVO

ARTISTA: FASMA

SINGOLO: PARLAMI

ANNO: 2021

ETICHETTA: RCA/SONY

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Cantanti di Sanremo 2021 più ascoltati su Spotify: Ecco chi ha guadagnato più ascolti ad un mese dal Festival

Arisa,”Potevi fare di più”: l’usignolo alla ricerca del suono perduto