CIRCO IMMAGINARIO | LA RECENSIONE

Quattordicesimo compleanno per “Circo immaginario”, uno dei lavori più fortunati della poliedrica Rossana Casale, che abbiamo visto di recente dal vivo in un eccezionale mini tour dedicato al jazz insieme alle colleghe e amiche Mariella Nava e Grazia Di Michele. 

Sessanta primavere e poco più, portate splendidamente, una carriera sfavillante pregna di soddisfazioni, Rossana Casale rientra senza ombra di dubbio in quella categoria, ahinoi sempre più rara, di artisti con la a maiuscola che hanno assecondato e coltivato il dono del talento nell’arte con dedizione ed impegno nelle sue più variopinte sfaccettature e declinazioni, mantenendo negli anni credibilità, classe ed eleganza. Con un repertorio di blasonate collaborazioni – da Mina a Cocciante, passando per Mia Martini, Loredana Bertè, Al Bano, Romina Power, Amedeo Minghi, Tosca, Alberto Fortis, Renato Zero, Eugenio Finardi, Zucchero, tanto per citarne qualcuna – grazie alla sua incredibile versatilità ed incolmabile passione, Rossana Casale ha regalato al suo fedele pubblico le più disparate versioni di sé stessa, ogni volta in un vestito nuovo che è stato sempre encomiato: attrice per Pupi Avati e Saverio Marconi, interprete del jazz internazionale nel meraviglioso lavoro del 2004 “Billie Holiday in me”, fino alle recenti esperienze televisive come vocal coach di X Factor, Rossana Casale è oggi una stimata docente di canto pop rock al conservatorio A. Boito di Parma, ma non ha certo rinunciato ad esprimersi nella dimensione in cui maggiormente la si apprezza, quella del live, sia come solista che nel suo quintetto jazz con Emiliano Begni al pianoforte, Gino Cardamone alla chitarra, Francesco Consaga al sax soprano e al flauto, Ermanno Dodaro al contrabbasso e Sergio Tentella alla batteria. Una delle prove più significative del nobile eclettismo della Casale, l’abbiamo avuta senz’altro nel 2006: fuori per “Azzurra Music”, ispirato al romanzo omonimo della scrittrice toscana Sara Cerri, “Circo immaginario” è uno straordinario compendio di ben venti tracce – 6 strumentali e 14 cantate – che rende perfettamente giustizia alla caleidoscopica verve artistica della cantante, che in questo lavoro composito, estremamente raffinato e ricercato, riversa tutte le sue più fulgide sfumature.

In “Circo immaginario” non è certo difficile, infatti, calarsi nelle vesti di uno degli stravaganti artisti dei tendoni circensi che tanto affascinano grandi e piccini e che trascinano in un mondo parallelo in cui la Casale riesce a coniugare il pop col jazz, le chansons francesi, il fascino delle colonne sonore dei film italiani anni sessanta, la sensualità del tango: la Casale riesce magistralmente nell’impresa di un disco corale – lo impreziosiscono infatti, fra gli altri, i recital di Pierfrancesco Favino, Carlo Reali, Mia Benedetta, rispettivamente in “Dolce Sofia”, Vino divino” e “Il matto del paese”, “Circo immaginario reprise”, ed il risultato è magnetico ed ipnotico. La potenza vocale e narrativa della Casale, supportata da uno stuolo di musicisti del calibro di Ciccarelli, Isgrò, Rosini, Brioschi, Cantini, Porro, Burattini e Zuppini, co-produttore del lavoro insieme all’artista, ci fa immedesimare in questo leitmotiv del pagliaccio nostalgico e malandato che almeno una volta noi tutti abbiamo impersonato, sopra e sotto il palcoscenico della vita. “Circo immaginario” pertanto, è ancora oggi un ascolto che fa scuola, uno di quei dischi “vecchia maniera” da cui moltissimi, senza saperlo, inevitabilmente non possono che attingere.

VOTO: 8/10

AGGETTIVO: PROFONDO 

TRACKLIST:

  1. La Bella Confusione (Ouverture)
  2. Il Battello Di Carta
  3. Circo
  4. Girasalta
  5. Dentro Gli Occhi Chiusi
  6. Il Matto Del Paese
  7. Boscomare
  8. Gioir D’amore
  9. Dolce Sofia
  10. Vino Divino
  11. La Folle Danza Di Groppo
  12. La Verità
  13. Girasalta Reprise
  14. La Bella Confusione
  15. La Tempesta
  16. Il Circo Immaginario
  17. Il Circo Immaginario Reprise / Dolce Sofia
  18. Micol Sul Filo
  19. Polvere Di Luci
  20. La Bella Confusione (Titoli Di Coda)

ALBUM: CIRCO IMMAGINARIO

ARTISTA: ROSSANA CASALE

ANNO: 2006

ETICHETTA: AZZURRA MUSIC

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


“Domani è primavera”, l’inno di Dario Gay a non aver più paura

Ghali scelto come volto giovane della Milano che riparte