Rossana Casale, Grazia Di Michele e Mariella Nava insieme, in un mini-tour che per la prima volta mette insieme tre donne tra le più raffinate e nobili del panorama musicale italiano. 

L’appuntamento è fissato prima a Milano e poi a Roma per l’ultima decade di dicembre, e dopo queste due ‘prime volte’ è pressoché certo che nascerà poi un vero e proprio tour.

Si sono sfiorate spesso, le storie musicali di Rossana, Grazia e Mariella. Sfiorate spesso ma pure incrociate, talvolta. Era il 1993 quando Grazia Di Michele e Rossana Casale decisero di affrontare assieme il palco di Sanremo, dopo aver regalato al Festival negli anni precedenti perle rare come “Brividi” e “Destino” la bionda Rossana, “Io e mio padre” e “Se io fossi un uomo” Grazia.

Con “Gli amori diversi“, in quell’anno 1993, Di Michele e Casale centrarono un terzo posto inaspettato, lasciandosi alle spalle Matia Bazar e sua maestà Renato Zero, e finendo dietro soltanto al vincitore annunciato Ruggeri e al più bel brano scritto e cantato da Cristiano De Andrè, “Dietro la porta”.

La terza dell’inconsueto trio, Mariella Nava, curiosamente aveva saltato proprio (e solo) quell’edizione del ’93. C’era stata l’anno prima (“Mendicante“), e tornata l’anno dopo (“Terra mia“). Nel ’91, poi, aveva scritto uno dei brani più intensi della storia del Festival di Sanremo, “Spalle al muro“, denuncia sulla vita ai margini degli anziani, che Renato Zero portò al secondo posto.

Ora le tre carriere di Grazia, Mariella e Rossana non solo si incrociano, ma si incontrano. Finalmente assieme, in un trio che coniuga la canzone d’autore italiana con i ritmi del jazz. 

Per chi non se le vorrà perdere, però, saranno soltanto due gli appuntamenti in agenda, da segnare nell’attesa che l’esperimento diventi tournée vera e propria. L’anteprima assoluta sarà domenica 22 dicembre in doppia performance al Blue Note di Milano, poi giovedì 26 dicembre appuntamento all’Auditorium Parco della Musica di Roma. “Cantautrici” è il nome scelto per il tour, in questo viaggio che sarà accompagnato da musicisti come Ermanno Dodaro al contrabbasso, Emiliano Begni al pianoforte,  Francesco Consaga a sax soprano e flauto traverso,  Fabiano Lelli alla chitarra,  Roberto Guarino alla chitarra, Andy Bartolucci a batteria e percussioni; ospite, almeno nelle date di Milano e Roma, Sasà Calabrese al contrabbasso. Ad aprire i concerti e nell’ambito della performance, saliranno sul palco giovani cantautrici che le tre artiste hanno conosciuto nell’ambito delle loro attività di insegnanti e talent scout.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 


Food. Ecco come gli chef toscani salvano Venezia a colpi di baccalà

Food. Sfera Ebbasta e Andrea Petagna, quando il calcio incontra la musica in cucina