Il giovane cantautore romano, front-man della band Stag, torna con il secondo singolo da solista. Il brano è una ballad “futuristica”, caratterizzata da sonorità elettroniche, che racconta di un dialogo con lo specchio, con il riflesso della propria persona. “È il mio riflesso che mi ricorda chi sono quando io sono troppo stanco per farlo”.

Marco Guazzone: Il secondo singolo da solista “Ti vedo attraverso” da venerdì 9 aprile in radio e nei digital store

In seguito a Con Il Senno Di Poi, fortunato debutto da solista prodotto da Elisa e con un cameo vocale della stessa, e dopo aver composto la colonna sonora per la nuova campagna mondiale di BVLGARI, Marco Guazzone torna con un nuovo singolo intitolato “Ti Vedo Attraverso” (Ourtime/Believe), disponibile in radio e digitale dal 09 aprile.

LEGGI ANCHE: Grave lutto per Elisa, il covid le porta via gli zii che l’hanno ispirata come artista: “Quasi impossibile accettare”

La nuova proposta da solista del leader degli Stag è stata scritta con Nicola Cioce per quanto riguarda la parte testuale; mentre la musica è stata composta da Marco Guazzone con Edoardo Cicchinelli, Stefano Costantini e con la più nota Alessandra Flora; apprezzata autrice che ha già lavorato con grandi personalità del panorama musicale nazionale come Arisa, Malika Ayane, Noemi, Emma, Elodie e Gianni Morandi.

“Ti Vedo Attraverso è il mio riflesso che mi ricorda chi sono quando io sono troppo stanco per farlo”

Ti vedo attraverso di Guazzone, a differenza de Con il senno di poi, in linea con le produzioni attuali più di tendenza, vira verso sonorità elettroniche e rappresenta un dialogo con lo specchio; o meglio con il proprio riflesso che prende la parola.

“Tutti almeno in un’occasione abbiamo parlato allo specchio, da bambini, prima di un appuntamento importante o dopo un grande dolore. Ma se per una volta fosse lo specchio a parlare con noi? In un dialogo in cui il mio riflesso mi dice finalmente che cosa pensa di me ho immaginato la possibilità di guardarmi da fuori, di sdoppiarmi e confrontarmi con me stesso” – Racconta Marco.

“È lo specchio che tutti i giorni si fa carico delle mie paure, che mostra sul corpo tutte le mie ferite, che si arrabbia quando non mi ritengo all’altezza rassicurandomi che i miei difetti e le mie debolezze fanno parte di me come tutto il resto, e che tutti i passi falsi e le cadute sono esattamente il percorso che dovevo fare per arrivare fin qui. È il mio riflesso che mi ricorda chi sono quando io sono troppo stanco per farlo. Questo è Ti Vedo Attraverso” – conclude il giovane cantante e cantautore romano.

Il videoclip ufficiale di “Ti vedo attraverso”

Ti vedo attraverso è accompagnato da un videoclip ufficiale, lanciato in anteprima su Rolling Stone, e su YouTube dallo scorso 10 aprile, realizzato dal regista, video maker e visual artist Luca Nistler insieme a Marco Carlos Cordaro e con le coreografie e la direzione artistica di Paolo Vecchione.

Nel video Guazzone, di nuovo impegnato in una performance di teatro-danza, è accompagnato da un danzatore che interpreta il suo riflesso. Si tratta di Fabio Calvisi, ballerino per lo spot della Tim di Sanremo e già al lavoro con importanti coreografi.

A proposito della clip del nuovo singolo di Marco Guazzone, dichiarano i due registi: “In un dialogo interiore e astratto con il suo alter ego Guazzone entra ed esce da uno specchio immaginario attraversando ambienti asettici e monocromatici popolati da materiali riflettenti che eludono le regole del doppio”.

LEGGI ANCHE: Virginio dopo Tale e Quale Show torna alle origini con il nuovo singolo “Rimani”: «Se non l’ascoltasse mai nessuno, sarei fiero di averla scritta e cantata»

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marco Guazzone (@guazzonemarco)



CLICCA QUI per seguire Juary Santini su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Rubrica, JazZONE. Prince, Javier Girotto, Rhiannon Giddens, Max Gazzè, Ballaké Sissoko

Miguel Bosè a “Lo De Evole”: “Non mi vaccino e lo dico a testa alta” VIDEO