seggi
Foto Claudio Furlan - LaPresse

AGGIORNAMENTO 1.30:  Luca Zaia vince con oltre il 75% dei voti, come prospettato già all’inizio degli spogli

AGGIORNAMENTO 18: Luca Zaia (Centro-Destra) è dato al 74.5%, Lorenzoni (Centro-Sinistra) al 16.6%, Cappelletti (M5S) al 3.6%

AGGIORNAMENTO 16.30: Si profila un vero e proprio plebiscito per il presidente uscente Luca Zaia (Centro destra) che, al primo exit poll, ha totalizzato una forbice tra il 72 e il 76%, Lorenzoni (Centro Sinistra) 16-20%, Cappelletti (M5S) 3-5%

Sono sette le regioni che sono interessate alle regionali. Si tratta di Valle d’Aosta, Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Campania, Puglia.

Ad essere interessati sono complessivamente 18.471.692 elettori e un totale di 22.061 sezioni. I seggi hanno aperto alle 7 di ieri e chiuso alle 23, per poi aprire nuovamente questa mattina alle 7 con chiusura definitiva alle 15. Alla chiusura dei seggi seguiranno gli scrutini delle suppletive, del referendum e, appunto, delle regionali.

Complessivamente sono 35 gli aspiranti governatori per 6 Regioni (in Valle d’Aosta l’elezione del presidente è indiretta).

In totale sono nove i candidati in campo per queste elezioni regionali in Veneto

Paolo Girotto (Movimento 3V)

Simonetta Rubinato (Veneto Per le Autonomie)

Luca Zaia (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Zaia Presidente, Lista Veneta Autonomia)

Paolo Benvegnù (Solidarietà Ambiente Lavoro)

Arturo Lorenzoni (Partito Democratico, Volt Europa, Europa Verde, Sanca Autonomia, Il Veneto che vogliamo)

Enrico Cappelletti (Movimento 5 Stelle)

Patrizia Bartelle (Veneto Ecologia Solidarietà)

Antonio Guadagnini (Partito dei Veneti)

Daniela Sbrollini (Italia Viva – Civica per il Veneto – PSI – PRI)

Alla chiusura dei seggi delle 23 di sabato l’affluenza registrata in Veneto è stata del 46, 12%

Per seguire i live delle altre ELEZIONI REGIONALI clicca QUI

Segui OA Plus Viaggi su Instagram 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti: Foto Claudio Furlan – LaPresse