Laura Pausini, in nomination al Premio Oscar nella sezione “Miglior Canzone Originale” con il brano “Io sì (seen)”, porterà a casa l’ambita statuetta. Ne è certo il padre, che afferma di aver predetto tutti i suoi più grandi traguardi. Conferma la predizione anche il celebre giornalista americano Scott Feinberg.

“Laura Pausini vincerà di sicuro l’Oscar”: la predizione del padre della cantante italiana candidata all’Academy Award

Laura Nazionale vola verso gli Oscar 2021, dove è in nomination all’Academy Award insieme agli altri autori Diane Warren e Niccolò Agliardi con la sempre più apprezzata Io sì (Seen); colonna sonora del film La vita davanti a sé di Edoardo Ponti, con protagonista una magistrale Sophia Loren.

Dover aver incassato un glorioso Golden Globe, la Nostra potrebbe portare a casa anche l’iconica e celeberrima statuetta del premio cinematografico più antico e importante del mondo; e tutto ciò con un brano in lingua italiana. Un’impresa titanica che secondo Fabrizio Pausini, papà della cantante de La Solitudine, Laura porterà a compimento.

In collegamento streaming per “Los Angeles, Italia – Film, Fashion and Art Fest! (manifestazione che da 16 anni anticipa la notte più attesa per il cinema), a Pascal Vicedomini rivela di aver predetto tutti i grandiosi risultati conquistati dalla sua bambina: “Così come avvenuto negli altri momenti importanti della carriera di Laura, il miracolo della candidatura all’Oscar era stato da me predetto”.

La storia del libro che ha realizzato tutti i desideri di Stefano Pausini per la figlia

Ma come fa ad esserne così certo? Il Sig. Pausini lo spiega raccontando un fatto molto particolare e interessante, quasi incredibile: mentre la moglie era in dolce attesa della futura star italiana, ha letto un libro che suggeriva un metodo per vedere realizzati dal proprio figlio i sogni, i desideri e le ambizioni del genitore.

Così dichiara: “Con Laura si è realizzato tutto. Da quando è nata le dico sempre ciò che succede prima che la cosa accada: credo sarà così anche stavolta”. Per poi aggiungere: “Sarebbe la perla finale di una carriera straordinaria e un bel regalo per il compleanno che festeggerò il 28 aprile”.

Oscar 2021, anche il giornalista Scott Feinberg conferma la vittoria di Laura Pausini

Che il papà di Laura Pausini faccia un tifo sfegatato per sua figlia è cosa normalissima e scontata; così come è normalissimo che creda nella vittoria finale. Ma non è il solo, ad essere certo che l’interprete di Io sì (seen) trionferà al Premio Oscar 2021 ne è sicuro anche Scott Feinberg, celebre giornalista di Hollywood Reporter, che in collegamento con “Live from Hollywood” conferma la predizione del padre dell’interprete di Solarolo: “Laura è favorita in quanto la canzone è bella e quest’anno non ci sono altri brani che abbiano particolarmente colpito il pubblico”.

Il giornalista americano, poi, aggiunge un altro elemento che rende ancora più concreta tale possibilità: il fatto che il brano porti la firma della straordinaria Dianne Warren, che nonostante ben undici nominations non ha mai vinto.

Ce la farà la nostra Laura a portare a casa questo ennesimo grande riconoscimento?

L’Italia dovrebbe fare il tifo per lei, così come per Massimo Cantini Parrini, Dalia Colli e Francesco Pegoretti, candidati rispettivamente nelle sezioni “Miglior Costumi” e “Miglior Trucco e Acconciatura” per il film Pinocchio di Matteo Garrone.

Feinberg, però, ritiene che solo Laura ha davvero le carte in tavola per portare a casa la statuetta: “Purtroppo credo che ‘Pinocchio’ abbia meno possibilità. Il film ‘Ma Rainey’s Black Bottom’ è sicuramente preferito dall’Academy per queste due categorie”.

LEGGI ANCHE: OSCAR 2021: Laura Pausini si esibirà alla cerimonia ufficiale che per la prima volta festeggia la musica

Crediti Foto: Mediaset Play


CLICCA QUI per seguire Juary Santini su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Buon 25 Aprile! Celebriamo La Festa della Liberazione con una playlist a tema

Buon compleanno Ella Fitzgerald! Una playlist per una leggenda del jazz