Il raptus ha portato Claudio Evangelista, 42 anni, ad uccidere il padre con un coltello

Claudio Evangelista si era lamentato di non riuscire a riposare in camera sua, perché il padre teneva il volume della TV troppo alto; questo il racconto della madre e della sorella alle forze dell’ordine. Momenti di agitazione, poi il raptus; Claudio Evangelista, 42 anni, si è avventato sul padre, spingendo la sorella che tentava di difenderlo e lo ha colpito con una coltellata al cuore.

Un solo colpo al cuore e per l’anziano padre non c’è stato più nulla da fare. Il coltello accanto al corpo, i familiari disperati e la chiamata della sorella al 118 ieri alle18.59. Francesco Evangelista di 77 anni, muore così, per futili motivi, per mano del figlio in un appartamento di via Novella sulle alture di Pra’ (Genova).

Claudio Evangelista, già seguito dai Servizi di salute mentale è stato arrestato. Una tragedia simile era avvenuta a luglio dello scorso anno e aveva portato ad una condanna all’ergastolo Lorenzo Prandi, il 51enne accusato di aver ucciso a coltellate il padre Mario Prandi di 75 anni, sempre a causa del volume troppo alto. La tragedia era avvenuta nella casa dove i due vivevano ad Ostiglia, in provincia di Mantova. I giudici della Corte d’Assise, in quel caso hanno riconosciuto l’omicidio volontario aggravato dai futili motivi e legami di parentela.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Shutterstock

TAG:
Claudio Evangelista Francesco Evangelista genova uccide volume alto

ultimo aggiornamento: 10-10-2022


Bombe su Kiev: almeno 5 morti e decine di feriti fra i civili

Dramma a Novara, 21enne muore in un incidente un quarto d’ora prima della nascita della sorellina. La disperazione del papà: “Era tornata dal Trentino per vederla nascere”