“Chi vuole bene a Random dovrebbe davvero consigliargli di cambiare mestiere” si legge in una delle pagelle di Sanremo 2021 firmata dall’autorevole critico musicale Michele Monina.

Il giovane rapper, nato nel napoletano e vissuto a Riccione, con la simpatia è riuscito a conquistare Maria De Filippi, non una donna qualunque ma la più potente della TV italiana, e un suo pubblico grazie ad un’hit leggerissima come “Sono un bravo ragazzo un po’ fuori di testa”.

Ma per uno come lui, privo di doti canore e compositive, riuscire ad aggirare il radar impietoso della critica musicale e di un pubblico vasto come quello che segue il Festival di Sanremo è praticamente impossibile.

Per l’orecchio di Michele Monina e di chi di musica se ne intende Random è l’esempio più evidente di come l’industria musicale abbia piegato la televisione al nulla cosmico. In questo gioco di sottomissione e complicità tra discografia e talent show, in cui chi ne fa le spese è il fruitore di musica, Random ne esce con le ossa rotte, poiché è la prova reale di quanto i personaggi vengano preferiti agli artisti e di come possano funzionare solo in determinati habitat.

Nello specifico Random poteva funzionare in un programma tv come Amici Speciali, ma non in un palco sacro, anche se spesso profanato, come quello di Sanremo. Maria De Filippi è riuscita a farci passare con nonchalance da Giuni Russo ad Emma Marrone e da Lucio Dalla a Marco Carta, ma non sempre le va bene. Ultimamente quasi mai.

Se si esclude Elodie, sono tanti i cantanti da lei lanciati ad essersi scottati in quel del Festival. Quest’anno anche Annalisa, tra le sue protette, si è scontrata contro il muro della critica.

Decisamente più prevedibile invece la debacle di Random, che nelle stories Instagram scrive: “Ho partecipato ad una gara e ho accettato le regole del gioco che non solo nei miei confronti non sono state rispettate a pieno. Sapevo a cosa andavo incontro e di certo non me l’ha ordinato il dottore di andare a Sanremo. L’ho fatto e lo rifarei. Altre mille volte”.

La verità è che Random non si può certo lamentare dell’ultimo posto nella classifica finale, né tantomeno lo può addebitare ad altre cause (si mormora all’orario tardo in cui si è dovuto esibire)!

Per far posto a gente come lui sono state clamorosamente cestinate canzoni di artisti importanti a cui OAPlus ha dedicato la Sanremo 2021Alt3rna7ive Mixtape.

Ci basta menzionare solo “Il senso delle cose” di Morgan, la canzone bocciata che il cantautore ha voluto far ascoltare in anteprima per dare una prova schiacciante (ma non necessaria) del cattivo lavoro di Amadeus come direttore artistico del Festival. Vogliamo metterla a paragone con “Torno a te” di Random o di tante altre canzoni selezionate?

Lo stesso Michele Monina coglie l’occasione per lanciare una provocatoria sfida al direttore artistico di Sanremo 2021, che ovviamente non può che cadere nel vuoto:

«Amadeus ha detto che ha ricevuto quattrocento canzoni di artisti che ambivano a entrare nel cast dei Big.
Lo sfido pubblicamente a farmi ascoltare trecentosettantaquattro canzoni più brutte di questa.
Anzi, lo sfido a farmene ascoltare anche una soltanto».

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: LAPRESSE


Emma Marrone protagonista della serie “A Casa tutti bene” di Gabriele Muccino

OA PLUS ITALIAN CHART (WEEK 10/2021): stabili Colapesce Dimartino e La Rappresentante di Lista, sale Madame