Ecco JazZONE week parade con 5 proposte tratte da 5 album jazz (e dintorni) usciti negli ultimi mesi che meritano attenzione. Un’occasione imperdibile per scoprire nuovi artisti e nuove produzioni dal tocco raffinato.

Questa settimana la positività di José González, l’approccio sperimentale di Marco Giudici, l’angelica vocalità di Sofia Logan, il ritorno dei Parcels, e l’incontro dei Melim con il mitico Djavan.

José González – Head On (Local Valley)

Il songwriter svedese di origini argentine José González si appresta a pubblicare il suo quarto album in studio “Local Valley”, in uscita il 17 settembre su etichetta Mute. Il cantante racconta il nuovo brano “Head On” (che anticipa l’album) coma una canzone di combattimento o un manuale di istruzioni, il titolo va inteso sia come ‘dritto’, ‘a testa alta’ che come ‘accendere la mente’.

Marco Giudici – Sette Vite

Marco Giudici, milanese, classe 1991 è un promettente produttore, polistrumentista e cantante che si sta facendo notare per lo stile e la classe. “Sette vite” è il nuovo non scontato singolo, prodotto dallo stesso Giudici insieme ad Adele Altro (Any Other).

Sofia Logan – Road Signs (Waiting for You, Waiting for Me)

Waiting for You, Waiting for Me” è l’album di debutto dell’artista del Minnesota Sofia Logan. L’album riflette i suoi viaggi in giro per il mondo e il suo apprezzamento per gli stili musicali latinoamericani e americani. Sofia canta in inglese, spagnolo e portoghese e celebra la sua icona preferita, Ella Fitzgerald, con la sua passione per gli stili vocali jazz e per il folk. “Road signs” è anche il nuovo singolo tratto dall’incantevole ed eterogeneo album.

Parcels – Free

Free” è il ritorno della band Parcels dopo il debutto di tre anni fa. Il brano è stato scritto durante la pandemia di coronavirus, che ha visto i membri della band di origine australiana, ora con sede in Europa, separati gli uni dagli altri. “Jules ha scritto questa canzone una mattina mentre eravamo in isolamento, divisi in diverse parti del globo“, ha raccontato la band. “Anche se il testo sembrava essere riferito alle complicazioni delle sue relazioni a distanza, non poteva fare a meno di sembrare una lettera per il resto della band allo stesso tempo.”

Melim, Djavan – Outono (Deixa vir do coração)

Deixa vir do coração” è il tributo del trio Melim ad uno dei grandi nomi della musica brasiliana, Djavan, e contiene ri-registrazioni di alcuni suoi brani. Rodrigo, Gabriela, and Diogo Melim hanno avuto l’onore di collaborare con lo stesso artista, simbolo della musica brasiliana, nel brano “Outono” in cui emozione e poesia coinvolgono l’ascoltatore senza filtri né artefici.

Buon ascolto!

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su TWITTER

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su INSTAGRAM

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Le Endrigo, sale l’onda del rock lgbt. Riflettori puntati su “Cose più grandi di te”, il singolo-manifesto della band

Rubrica, 80PARADE. Paul Simon, Anna Oxa, Modern Talking, Madleen Kane, Enzo Malepasso