Seguici su

Recensioni

Rossana Casale, Joni: quando l’eleganza è viscerale

Un tributo sentito. Rossana Casale in “Joni” omaggia Joni Mitchell con quattordici tracce (tra cui un inedito) intrise di jazz e di eleganza

Pubblicato

il

Recensione Joni Rossana Casale
Front cover dell'album "Joni"

JONI| LA RECENSIONE

Omaggiare una vera e propria icona attraverso il proprio mezzo; è esattamente quello che ha fatto Rossana Casale che, lo scorso 4 novembre 2022, ha pubblicato per Incipit Records “Joni“, album tributo a Joni Mitchell.

Un progetto in cui traspare tutto l’amore della protagonista verso la leggenda canadese, sciorinato in quattordici tracce – tra cui tredici cover e un inedito- che profumano e cospargono l’atmosfera di purissimo Jazz, talvolta brillante e dirompente, altre volte più cupo e rarefatto.

Ma l’aspetto più interessante tra tutti è certamente il senso di bilanciamento perché, a differenza di altre proposte simili, all’ascolto emerge un vero e proprio allineamento tra celebrato e celebrante. Ogni singola parola scritta da Mitchell trova infatti splendore nella resa musicale, la quale va egregiamente a braccetto con la componente testuale non svilendo neanche un verso della somma poesia partorita dalla mente della cantante.  Il tutto con un tipo di formazione in cui primeggia il contrabbasso di Ermanno Dodaro, il pianoforte di Emiliano Begni, il sax soprano e il flauto traverso di Francesco Consaga oltre che la chitarra di Gino Cardamone.

Si parte con “I had a King“, ovvero con la prima canzone contenuta nel disco d’esordio di Joni, “Song to a seagull“. Sarà l’inizio di un percorso che porterà poi all’audacia di “Woodstock“, dove svettano le armonie del piano, e alle sfumature quasi avanguardiste de “The jungle line“.  Spazio anche a uno dei pezzi più fortunati e simbolici del lotto “Big Yellow Taxi” e per l’improvvisazione de “The dry cleaner from des moines“.

In coda poi un inedito, , “In and Out of Lines “, sentitissimo omaggio che mette nei fatti la firma a un lavoro ideato, pensato ed eseguito con vero cuore e con viscerale eleganza. Da ascoltare.

VOTO: 8

AGGETTIVO:  VISCERALE

ARTISTA: ROSSANA CASALE
ALBUM: JONI
ANNO: 2022
ETICHETTA: INCIPIT RECORDS

LEGGI The Beatles Songbook: non ci si abitua mai all’immensità di Mina

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: Ludovico Einaudi, Underwater e il gusto dell'apparente semplcità

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

WEB TV

Pubblicità