Stanno conquistando l’Italia a colpi di pop rock, con una produzione ancora non completamente matura ma di grande prospettiva. Ecco perché sono tutti pazzi dei Måneskin.

ZITTI E BUONI | LA RECENSIONE

Fenomeno Måneskin. A meno di un mese dalla vittoria alla Settantunesima edizione del Festival di Sanremo la band romana ha avuto il cosiddetto boost, la spinta definitiva, conquistando in poco tempo il disco d’oro e registrando già svariati sold out nel loro primo tour nei palazzetti, programmato da dicembre 2021 fino ad aprile 2022. Un successo arrivato cavalcando la wave di “Zitti e buoni“, episodio sanremese pubblicato il 3 marzo 2021 e inserito all’interno de “Teatro d’ira Vol.1“, la seconda fatica discografica rilasciata lo scorso 19 marzo per Sony Music Italy.

Con un brano di matrice pop rock Damiano, Victoria, Thomas ed Ethan sono riusciti a portarsi sulle spalle tutto lo sconforto e la perdizione di una giovane generazione allo sbando, inghiottita dalla noia e annebbiata da qualsiasi prospettiva futura. Il pezzo è quindi un vero e proprio manifesto, uno scossone non particolarmente rivoluzionario ma assolutamente figlio dei nostri tempi e impreziosito da un buon tiro radiofonico che, con un inciso lievemente macchinoso, prende il largo in un bridge orecchiabilissimo, ipnotico e martellante.

Per questo motivo “Zitti e buoni” è riuscito ad andare oltre alcuni limiti già evidenziati durante la settimana del Festival, uno tra tutti lo stampo forse fin troppo adolescenziale che emerge dal testo e che conferma come il gruppo risulti molto più efficace nei passaggi più emozionali come “20 anni“, ma anche la davvero notevole “Coraline” piuttosto che in quelli più arrembanti e incazzati.

I Måneskin sono quindi i Greta Van Fleet italiani? No. Sono il nulla cosmico? Assolutamente no. Sono semplicemente quattro ragazzi che, a modo loro, sono comunque riusciti a tradurre in musica con accenti rock la loro visione del mondo, senza farsi aiutare da aiuti esterni nella scrittura o nell’idea di produzione. La strada da fare è ancora tanta. Le promesse però sono ottime.

VOTO: 7/10

AGGETTIVO: RAPPRESENTATIVO

ARTISTA: MANESKIN

SINGOLO: ZITTI E BUONI

ANNO: 2021

ETICHETTA: SONY MUSIC ITALY

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


“Chiamami per nome” è il brano più confuso di Francesca Michielin e Fedez

Amanda Lear e i Maneskin: “Mi volevano per il duetto a Sanremo”. La replica: “Solo un cameo”