Non è Gaia, non è Sangiovanni. Luigi Strangis, con “Tienimi stanotte” dimostra di essere ancora un talento grezzo, con una strada lunga da percorrere.

TIENIMI STANOTTE|LA RECENSIONE

Rispettando le sensazioni della vigilia, Luigi Strangis ha vinto la ventunesima edizione di “Amici” di Maria De Filippi, superando in volata il ballerino Michele e, precedentemente, Alex, finalista del circuito canto.

Una vittoria per certi versi annunciata in quanto, specie nelle ultime settimane, le attenzioni verso il giovane musicista di Lamezia Terme sono aumentate in modo vertiginoso, grazie a un repertorio cover classico e degli inediti che, nel contesto, sono risultati più vincenti rispetto a quelli della concorrenza, rappresentata dal già citato Alex e da Sissi.

Luigi però non è Sangiovanni (secondo lo scorso anno), e questo è un dato da cui si dovrà partire in fase di analisi. Già nella primissima esibizione del rapper vicentino è emerso subito lo straordinario talento e soprattutto tutto il suo potenziale in termini commerciali: “Gucci bag“, per intenderci, era già una mina, un po’ come Chega” di Gaia, un’altra vincitrice recente. Questi due artisti dunque, si sono presentati in Via Tiburtina già fatti e finiti, pronti a ogni tipo di sfida anche fuori dagli studi Elios.

Con Luigi il discorso è praticamente opposto, in quanto appare decisamente più indietro rispetto ai due colleghi che hanno fatto capolino da Maria nel 2020 e nel 2021; e lo dimostrano gli inediti, tutti un po’ diversi tra loro e senza nessuna particolare amalgama. Non fa eccezione “Tienimi stanotte“, cronologicamente l’ultimo singolo rilasciato lo scorso 30 aprile per 21co, nuovissima etichetta fondata da Briga e Giordana Angi, quest’ultima anche autrice del testo.

Un brano che non sembra l’ultimo di un percorso lungo sette mesi, bensì uno dei primi. Al netto della godibilità generale, più o meno sufficiente, con questo passaggio si fatica a intravedere la reale cifra stilistica del nostro (il passaggio precedente, “Tondo“, presenta tutt’altro stile); cifra apparsa in maniera lampante durante l’esecuzione delle cover, genuinamente vintage ma difficilissima da traslare in chiave contemporanea con delle canzoni originali.

Luigi quindi con “Tienimi stanotte” conferma di essere un talento tutto da costruire con un percorso tutto da individuare. Non è propriamente un difetto, anzi. Ma non dipenderà soltanto da lui. Da ora in poi le scelte saranno prese collettivamente con un team, il quale dovrà essere bravo a trovare la strada giusta in ottica futura, guardando più lontano possibile. Vedremo cosa succederà. La sfida, sia per lui che la nuova etichetta discografica, è avvincente.

VOTO:  6-

AGGETTIVO:  ACERBO

ARTISTA: LUIGI

SINGOLO: TIENIMI STANOTTE

ANNO: 2022

ETICHETTA: 21co

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Clicca qui per scoprire i vincitori dell’OA PLUS MUSIC AWARDS 2021


Albe: Karma è un altro debole tentativo estivo

Non siamo soli. Alex W in territori sicuri