Squadra che vince non si cambia, canzone che vince non si cambia. Daniela Pedali ed Andrea Dessì rilasciano la terza versione di Ritmo Diablo, arricchita da una componente percussiva e tribale irresistibile

RITMO DIABLO| LA RECESIONE

L’estate musicale italiana si divide in due filoni legati ai tormentoni, quelli mainstream, ovvero quelli che sentiamo (o dovremmo sentire) nelle radio e nelle principali piattaforme streaming, e altri più di nicchia che, senza particolari pretese, riescono ad ammaliare l’ascoltatore con semplicità e con la sola forza dei propri mezzi; è certamente il caso di Daniela Pedali e del chitarrista Andrea Dessì, i quali hanno pubblicato lo scorso 6 agosto per PMS studio il rifacimento in salsa latina del loro successo “Ritmo diablo“.

Si tratta della terza relase del brano dopo aver già diffuso la versione spagnola e quella italiana, a questo giro impreziosita da un elemento ritmico rilevante, quello delle percussioni, suonate per l’occasione del musicista croato Dino Deghenghi, bravissimo ad accentuare con naturalezza l’attitude del passaggio musicale, rendendolo ancora più scatenato, erotico e tribale.

A differenza del super banger di Elodie dove la componente “tribale” (che dà proprio il titolo al tormentone) è più un mezzo, un intelligente e riuscito artificio per veicolare il senso del pezzo, qui appare tutto più autentico e vero, complice anche una voce, quella di Pedali, perfetta per accogliere delle sfumature jazz naturali con naturalezza e potenza, rinforzata dalla maestria di Dessì e Deghenghi, due di quel tipo di musicisti in grado di dar vita a ogni singola nota, a ogni singolo accento, a ogni singolo accordo. Impossibile stare fermi.

VOTO: 8

AGGETTIVO: AUTENTICA

ARTISTA: DANIELA PEDALI FEAT ANDREA DESSI’
SINGOLO: RITMO DIABLO
ANNO: 2022
ETICHETTA: PMS STUDIO
AUTORI: ANDREA DESSI’, RAFFAELE MONTANARI

LEGGI Tormentoni Italiani dell’Estate 2022, Diario e Playlist in aggiornamento 

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Ana Mena: “Mezzanotte” è il pezzo perfetto dell’estate

Nina Zilli: Munsta è un buon punto di (ri)partenza