Con un piede nel passato e lo sguardo aperto al futuro tornano i The Dining Rooms di Cesare Malfatti e Stefano Ghittoni

Cesare Malfatti fa bis: sono due gli album pubblicati in parallelo per l’estate 2022 dal popolare chitarrista dei La Crus. Il primo è è quello in collaborazione con la cantante Georgeanne  Kalwait, per il progetto A Temporary Lie, di cui vi ho già parlato nell’articolo “Le verità nascoste – Guida all’ascolto” , il secondo è in condivisione con il dj Stefano Ghittoni che porta avanti il progetto The Dining Rooms. Il duo milanese, che largheggia in creatività per far scivolare l’ascoltatore in una musica d’atmosfera dal fascino cinematico, torna con “Turn To See Me”.

L’album, pubblicato su etichetta Schema Records, è l’ennesimo step in avanti dei The Dining Rooms, nonché l’ulteriore conferma del valore artistico delle loro produzioni. “Turn To See Me” è un disco intenso, inevitabilmente influenzato dai fatti degli ultimi due anni e quindi intriso di sonorità cupe e malinconiche, ma allo stesso tempo positivo e volto a un futuro che si spera migliore dell’attuale presente. Ancora una volta numerose sono le collaborazioni e le commistioni tra generi musicali (hip-hop, folk, jazz, elettronica, trip hop) che non tradiscono comunque il marchio di fabbrica ‘cinematico’ della formazione made in Lombardia.

La fusione tra elettronica e jazz trova il punto di forza massimo grazie all’incontro con Egeeno, che con la sua voce stramaledettamente fascinosa e intrigante e il suo pregevole contributo autorale fa di “Desire” il singolo da cui partire per addentrarsi nel mondo, per metà onirico e per metà reale, dei The Dining Rooms. Ed è così che il primo estratto dell’album viaggia veloce sui binari della OA Plus Italian Chart in direzione ostinata a contraria alla cultura dell’odio e dell’individualismo.

LEGGI Le ali e le radici del Jazz al femminile nella penisola

DICHIARAZIONI. PER EGEENO «È STATO SUPER ECCITANTE»

Ghittoni e Malfatti raccontano così il loro secondo album assieme: «“Art Is A Cat” uscì nel gennaio 2020 e un paio di mesi più tardi siamo entrati in un momento storico, sociale ed economico che ci ricorderemo per sempre: altalenante, emozionante, intriso di paure ma anche di slanci verso un futuro migliore. “Turn To See Me” parte da dove eravamo arrivati con il disco precedente, “Art is a Cat”, e si potrebbe considerare la naturale evoluzione se non fosse che di naturale in questi anni c’è stato ben poco. Abbiamo iniziato a pensare a un disco prevalentemente strumentale che però facesse un lavoro importante sulla parola ancora prima che sulla canzone, la classica ballad post folk che è uno dei nostri marchi di fabbrica.

Abbiamo lavorato con le parole francesi di Julie Normal e Bob Junior in “Bonjour”, scritta con Max Darmon, quelle italiane dell’attrice Emanuela Villagrossi in “Gli Inglesi e gli Americani”, quelle cilene di Gianpiero Kesten in “Notturno Cileno” (dedicato allo scrittore Roberto Bolaño), con i suoni di un mercato dell’Italia del sud in “Pronuncia di Levante” e con il racconto post hip-hop di Jonathan Clancy in “What’s Your Path, Man”, accompagnato dal piano di Maurizio Marsico. Poi gli strumentali che spaziano dalle atmosfere cinematiche di “Lungo il Fiume e sull’Acqua” (quasi un omaggio al Morricone di “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto”), il jazz di “Empty Window/Empty Space” con il piano di Thomas Umbaca e alcuni momenti più scuri ed elettronici (“I Am Here” e “Water and Sea”). Infine le canzoni con la title-track scritta con Chiara Castello di I’m not a Blonde e “Desire” con Egeeno, altra voce spettacolare del collettivo romano Tropicantesimo, che dialoga con la tromba di Gianni Sansone. Un album composito e profondo, malinconico come i tempi instche stiamo vivendo, proiettato verso il futuro che, seppur complicato, è ancora tutto da scoprire. “Turn To See Me” è un esortazione, quasi una preghiera, ad andare verso l’altro con azioni concrete, poetiche, politiche. “Turn To See Me” è un disco pieno di amore».

Anche il cantautore Egeeno, scelto per il singolo di punta del nuovo album, commenta – in esclusiva per OA Plus – la riuscitissima collaborazione a tre: «I Dining Rooms, ossia Cesare e Stefano, sono due persone che palesemente vivono e hanno vissuto di musica, proprio come me. Li conoscevo da prima che collaborassimo per Desire, la traccia che ho interpretato nel loro nuovo album. In Pescheria, il nostro studio romano abbiamo vari 33 e 45 giri dei The Dining Rooms e anche di progetti singoli che i due artisti hanno parallelamente portato avanti. Quindi per me aver ricevuto una proposta da loro è stato super exciting. La visione del video che abbiamo girato con Asia Pierotti nasce proprio dalle parole che ci evocava il brano, esistenzialismo, immagini sovrapposte di esperienze simili vissute differentemente, che si confondono fino a non esistere più».

LEGGI GENDER IDENTITY: ecco la playlist di cantanti fluidi, non binari, queer, bisessuali, gay (e sospetti)

La copertina del disco è opera di Pierluigi Longo, disegnatore e illustratore milanese che ha realizzato anche le animazioni per il prestigioso blog del Financial Times “The Long Room” e che attualmente cura l’inserto culturale Robinson de La Repubblica. Queste le sue dichiarazioni in merito al suo nuovo lavoro per i The Dining Rooms: «Quando Stefano e Cesare mi hanno chiesto di illustrare la copertina del loro nuovo LP, ho pensato a come come suggerire il movimento descritto nel titolo “Turn To See Me”, ho scelto l’attimo prima che il soggetto si volti in modo da lasciare molta immaginazione allo spettatore e creare un momento di sospensione. Poi bisognava scegliere se disegnare un uomo o una donna, abbiamo pensato insieme che sarebbe stato bello vedere entrambe, avere una doppia copertina, una vera doppia copertina col solo titolo, nome della band e della label. È stata un’idea che mi è piaciuta molto, per l’originalità della soluzione e perché ho potuto giocare con l’alternanza dei colori nei due lati. Fin da quando ho iniziato a fare l’illustratore ho ammirato l’arte di Domenico Gnoli e la citazione al suo stile penso sia abbastanza evidente».

TRACKLIST

TRACKLIST LP
A1 Bonjour 4:52
A2 Lungo il Fiume e sull’Acqua 3:33
A3 Desire 4:36
A4 Gli Inglesi e gli Americani 3:26
A5 Turn to See Me 3:24
B1 I Am Here 2:02
B2 Energy and Love 3:08
B3 Empty Window/Empty Space 2:54
B4 What’s Your Path, Man 3:22
B5 Water and Sea 1:26
B6 Pronuncia di Levante 2:03
B7 Notturno Cileno 4:52

TRACKLIST CD
01 Bonjour 4:52
02 Lungo il Fiume e sull’Acqua 3:33
03 Desire 4:36
04 Gli Inglesi e gli Americani 3:26
05 Quanto Tempo Ci Resta? 1:52
06 Turn to See Me 3:24
07 I Am Here 2:02
08 Energy and Love 3:08
09 Empty Window/Empty Space 2:54
10 What’s Your Path, Man 3:22
11 Water and Sea 1:26
12 Pronuncia di Levante 2:03
13 Notturno Cileno 4:52

CREDITI

All songs written by Stefano Ghittoni and Cesare Malfatti except:
1 by Stefano Ghittoni, Cesare Malfatti and Max Darmon
3 by Stefano Ghittoni, Cesare Malfatti and Egeeno
6 by Stefano Ghittoni, Cesare Malfatti and Chiara Castello
10 by Stefano Ghittoni, Cesare Malfatti, Maurizio Marsico and Jonathan ClancyPublishing by Edizioni Ishtar srl
Julie Normal: voice on 1
Bob Junior: voice on 1
Max Darmon: bass and keyboards on 1
Thomas Umbaca: piano on 1 and 9
Egeeno: vocals on 3
Gianni Sansone: trumpet on 3
Emanuela Villagrossi: voice on 4
Chiara Castello: vocals and lyrics on 6
Jonathan Clancy: vocals on 10
Maurizio Marsico: piano on 10
Elena Paparella: voice on 12
Gianpiero Kesten: voice on 13
Cesare Malfatti: bass, acoustic and electric guitar, piano and
keyboards
Stefano Ghittoni: beats, electronics, samples and keyboards, vocals
and lyrics on 8, lyrics in 3, 10 and 13
Produced by The Dining Rooms (Stefano Ghittoni & Cesare Malfatti)
Mixed by Francesco Borrelli at Blue Spirit Studio – Milano
Mastered by Giovanni Versari
Illustration by Pierluigi Longo / pierluigilongo.com
Photography by Max Cardelli / maxcardelli.it
Graphic design by Eugenio Crippa / adventprod.com

LEGGI Tormentoni Italiani dell’Estate 2022, Diario e Playlist in aggiornamento

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su TWITTER

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su INSTAGRAM

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


TalentONE (WEEK 19/2022): Ariannah, Irene Olivier, Laragosta, Tothem, Sara Laure

I Booda tornano con il loro nuovo singolo “Giungla Demon”