Lauryyn, Emanuele Naima e Anoir Ben Hadj Amara hanno dato vita ad un trio R&B che prende il nome da una canzone incentrata sulla paura di entrare in un loop mentale senza vie d’uscita.

Tra i nuovi massimi esponenti del soul italiano spiccano loro: i Puka Shell’s Bling, la band dalle sonorità multicromatiche che si è formata in Salento ed è attualmente attiva a Bristol, la città del trip hop.

L’evoluzione del suono di matrice britannica, che ingloba in sé house, dance, reggae, free-jazz, hip hop, funk, dub e punk, passa dunque dai Puka Shell’s Bling, il terzetto R&B composto dalla cantante Aurora De Gregorio in arte Lauryyn, dal chitarrista Emanuele Naima, con una carriera solista già avviata, e dal bassista Anoir Ben Hadj Amara.

Il loro nuovo singolo “Puka Shell’s Bling”, seguito di “Wild Harbour”, è il biglietto da visita dei tre artisti pugliesi e dà il nome all’intero progetto.

Il brano, pubblicato il 9 Luglio con la distribuzione su tutte le piattaforme digitali di Artist First, è disponibile in formato singolo e videoclip ed è attualmente in ascesa nella OA Plus Italian Chart, la nota week parade con le 10 migliori produzioni musicali del momento.

PUKA SHELL’S BLING

“Puka Shell’s Bling” è la traccia che ha dato il nome alla band, nonché prima composizione dei Puka Shell’s Bling.

Le influenze afro-beat, R&B e neo-soul condivise dal trio hanno dato vita ad una canzone che dipinge un’unica visione: un tributo al tramonto.

La canzone parla della paura di essere abbandonati dalla ‘luce’, ritrovandosi nel turbine dei pensieri e di instabilità, ma si snoda sulla consapevolezza che non esiste una strada per perdersi. Il sole è tramontato e la luce ritorna, tutti i giorni.

La spiaggia (che è una metafora sull’evasione dall’ordinario), la danza collettiva, i colori caldi che tanto gli appartengono sono alcuni degli elementi evocati in questo intricato flusso musicale.

Il brano è stato scritto e prodotto dai Puka Shell’s Bling, e mixato da Antonio Dema nello studio “Cascina Dema” a Martano. Il mastering è di Giovanni Versari.

La copertina del singolo è stata realizzata da Will Rochira, il videoclip da Francesco Stabili.

BIOGRAFIA

Puka Shell’s Bling è un progetto musicale pop/R&B fondato a Lecce, nel 2018, da Anoir Ben Hadj Amara, Aurora De Gregorio ed Emanuele “Naima” Perrone.

Quando Emanuele ed Anoir, amici d’infanzia, incontrano Aurora è amore a prima vista ed i loro percorsi si fondono.

I percorsi individuali, seppur con tanti ostacoli, si uniscono, dando vita a una “multicromia” del gruppo. Le influenze dei tre musicisti sono multiformi: si va dal funk all’r&b al raggae, dal neo-soul al pop, dal rock all’hip hop, dall’ambient alla musica classica.

Numerosi sono gli incontri individuali con tanti artisti della scena musicale italiana, europea e qualche connessione con gli Stati Uniti. La scelta di scrivere in inglese è dovuta sia al background musicale sia a un senso di appartenenza al mondo intero, senza confini né barriere: “One nation under a groove”.

Il gruppo è attualmente attivo a Bristol e il loro primo singolo, “Wild Harbour, è stato pubblicato il 21 gennaio 2021.

WILD HARBOUR

“Wild Harbour” è il singolo d’esordio dei Puka Shell’s Bling. Distribuito su tutte le piattaforme digitali da Artist First, il brano, scritto e arrangiato dal trio pop r&b salentino e prodotto da Antonio Dema De Marianis per Cascina Dema Studio di Martano, nasce durante una jam session, in un clima di forte confusione e incertezza che rispecchia il periodo attuale.

Il titolo “Wild Harbour” è una dedica a Porto Selvaggio, luogo magico del Salento che caratterizza l’infanzia dei Puka Shell’s Bling. Nell’immaginario musicale dei tre musicisti, infatti, è un costante luogo d’incontro suggestivo: chitarre acustiche, mare, bosco e natura selvaggia, tramonti pieni, colori forti, acqua ghiacciata e forti profumi mediterranei.

Il videoclip trascina l’ascoltatore nel “caos ordinato” che si percepisce ascoltando il brano. I quattro elementi naturali (acqua, terra, fuoco e vento) invadono lo spazio e il tempo e si fondono con la voce di Aurora De Gregorio e gli strumenti di Anoir Ben Hadj Amara (basso) ed Emanuele Naima (chitarra).

Una lunga visione più che una vera e propria trama: luci, colori e sagome raccontano la storia di Wild Harbour attraverso un’estetica “liquida” che scorre nello sguardo dello spettatore. Il videoclip è stato ideato e realizzato da Euphobia.ofn, progetto artistico/audiovisivo figlio di Emanuele Gatto e Deborah Zaccaria.

“Abbiamo sempre paura, tendiamo a scaricarla dando colpe a chi ci circonda, ma in fondo vorremmo solo lasciarci andare e viverci l’amore a pieno e condividerlo. Abbiamo tutti bisogno d’amore, funziona così”, sottolinea Aurora De Gregorio.

Anche la copertina del singolo d’esordio è curata da Will Rochira.

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su TWITTER

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su INSTAGRAM

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: ILENIA TESORO

 

 

 


Matilde Davoli, la cantautrice introspettiva che cerca e trova casa tra Londra e il Salento. Fuori l’album “Home” e il singolo “Il coraggio di provare”  

Francesca Alotta rinasce come cantautrice impegnata. “Diversa” è il singolo LGBT con cui dice basta all’omofobia: “L’applauso al Senato ci ha ferito”