Dopo “Ti Vedo Attraverso” e dopo “Con Il Senno Di Poi” – il fortunato esordio discografico tenuto a battesimo da Elisa che ha prodotto il brano e al quale ha partecipato con un cameo vocale – esce venerdì 7 gennaio, il nuovo capitolo del percorso discografico di Guazzone. “Al post mio” è il nuovo singolo. 

Marco Guazzone: “Al posto mio” è il nuovo singolo scritto con l’autrice Alessandra Flora e la partecipazione dell’Orchestra di Roma

Dopo numerosi riconoscimenti a livello internazionale (autore per Ed Sheeran, una nomination ai Grammy Awards 2020, compositore di colonne sonore per le campagne di BVLGARI, autore e compositore del singolo mondiale di Matteo Bocelli),  Marco Guazzone torna con un nuovo brano per le radio intitolato “Al posto mio” che vede la partecipazione dell’Orchestra Di Roma, orchestra due volte premio Oscar per i film Il Postino e La Vita è Bella.

Il primo suo singolo del 2022, disponibile già da venerdì 7 gennaio, si presenta come una sorta di lunghissimo *sta scrivendo…* che alla fine non invieremo mai. Racconta tutto quello che proviamo quando finisce una storia importante, parla di tutte le emozioni che ci travolgono quando ci rendiamo conto che siamo stati rimpiazzati e che l’amore che provavamo è stato sostituito da un amore ‘nuovo’. Ed è proprio in quel momento che solitamente riguardiamo, attraverso foto e video, i frammenti di vita insieme. Il videoclip è esattamente questo: una serie di frammenti in un unico film che, pur sapendo che ci farà male, guardiamo all’infinito. 

In questa canzone ci sono tutte le domande impossibili che non abbiamo il coraggio di fare ad un* ex e che purtroppo restano soltanto nella nostra testa.

“Il mio brano più difficile e sincero”: Marco Guazzone sul nuovo singolo per le radio

“Credo che questo sia stato il mio brano più difficile da scrivere finora perché è il più sincero. Sentivo il bisogno di raccontare questa storia senza filtri e la necessità di parlare in un modo più diretto e viscerale. Se c’è una lezione preziosa che ho imparato in questi anni come autore e compositore dietro le quinte è la forza del lavoro di squadra: unendo le forze si possono raggiungere dei risultati inimmaginabili, ed è quello che è successo con questa canzone – Racconta il giovane cantautore romano – Ho intrecciato la mia penna e le mie mani sui tasti del pianoforte con quelle di Alessandra Flora”.

“Avevo bisogno della sua sensibilità per poter tirare fuori delle emozioni nuove e Alessandra è riuscita a farmi uscire dalla mia zona di comfort e con la sua esperienza, la sua cura e il suo talento mi ha aiutato a trovare le parole e le note giuste. È stato un onore immenso e un grande privilegio poter lavorare con un’autrice del suo calibro. Mi sento onorato di questa collaborazione perché da solo non ci sarei mai riuscito” – Aggiunge. 

“A modo mio”: il videoclip ufficiale diretto da Antinea Radomska, regista e producer italo-polacca

La stessa idea di verità e sincerità ha influenzato anche il videoclip ufficiale di Al psto mio di Marco Guazzone, diretto da Antinea Radomska, regista e producer italo-polacca che ha realizzato un montaggio di immagini reali di vita vissuta tra Italia, Francia e Polonia insieme al suo compagno Emanuele Gabrieli.

“Queste immagini sono perfette per la canzone perché la sensazione che volevo raccontare è proprio quella di guardare un film di cui non siamo più i protagonisti. Osservare la vita che ci scorre davanti e noi siamo solo spettatori che non possiamo più intervenire perché la nostra occasione l’abbiamo avuta e poi l’abbiamo persa. Ad aggiungere valore a tutto questo c’è il fatto che sono scene vere, i protagonisti sono due persone reali e non degli attori e questo mi ha emozionato ancora di più”.

La produzione artistica del brano è stata curata da Luca Serpenti, producer già al lavoro con artisti come Colapesce e Dimartino. Il mix e master del brano sono stati effettuati day Marco Zangirolami, mixing engineer di artisti come Elisa, Fabri Fibra, Salmo e Mahmood.

LEGGI ANCHE: Marco Guazzone, dopo il debutto da solista con Elisa lancia “Ti vedo attraverso”: “Un dialogo con il mio riflesso”



Arianna Chiara: “Il sapore delle fragole” è un altro brano ispirato dal lock-down e nato dal dolore per la perdita dei nonni

GUANTO DI SFIDA: Morgan VS Fabio Cinti. “Come un cammello in una grondaia” vince contro “Segnali di vita”. Ecco perché