Tanto tuonò che alla fine…piovve. Eugenio Campagna finisce fuori dall’edizione di X Factor 13 ad un passo dalla finalissima del Mediolanum Forum, ma in un certo senso il suo addio è maturato con largo anticipo rispetto a quest’ultima puntata.

In semifinale, infatti, non è stato il peggiore, Campagna o Comete, se preferite al cognome il nome d’arte con cui si presentò alle audition. E proprio con il brano che dalle audition lo aveva portato ai live, “Glove”, Campagna ha salutato la compagnia. Ma, come detto, l’aveva forse già salutata la settimana scorsa, quando il suo “sono stanco” non fu perdonato dal pubblico (di casa e di social) ed evidentemente anche dai giudici.

Sono stati loro, infatti, nell’ultima sfida con i Booda, a dare il colpo di grazia ad Eugenio. Se Samuel infatti ha naturalmente votato per salvare i Booda, Mara ha fatto lo stesso con Eugenio, ma con riserva, ammettendo che il ‘nostro’, anzi il suo, è arrivato in fondo “ma c’è arrivato un po’ col fiato corto”. Ha dato il là insomma, Mara, alla ‘sentenza’ per il ‘suo’ Eugenio, guidando Malika e Sfera verso il voto pro-Booda.

In finale, così, ci saranno Sofia, i due gruppi di Samuel Booda e Sierra, e Davide Rossi. La prima, la favoritissima. L’ultimo, forse lo sfavorito, non fosse altro per quell’aria così retro’ che si nasconde dietro la voce tecnicamente migliore di tutte, e con ampio distacco.

Prima degli ospiti, con Tiziano Ferro che ha troneggiato, i concorrenti si erano esibiti meritando più applausi rispetto alla scorsa settimana, nonostante assegnazioni ancora una volta insidiosissime. Assegnazioni dalle quali era ancora una volta uscito con le ossa rotte Eugenio, che all’ultimo scontro è stato raggiunto dai Booda. E a quel punto si è compiuto ciò che in tanti, forse quasi tutti, si aspettavano. Con una settimana di ritardo, però.


Musica, TV. X Factor 13, le pagelle della settima puntata: è media del 6 (politico) per questa semifinale. La prima della classe è sempre Sofia

Musica Italiana, Nuove Uscite. Il ritorno del jazz hip hop dei Bardamù