Divisi fra l’Italia e gli States, e dopo aver vissuto anche a Cuba e a Madrid, i BARDAMU’ si possono considerare davvero una sorta di messaggeri della musica del mondo, sempre aperti alle più disparate influenze musicali. Il loro è un jazz “sporcato” di Hip Hop e dei suoni rudi della musica urban tipica di Brooklyn, la loro casa adottiva. Un formula vincente che il duo composto dai fratelli Ginaski Wop e Alfonso Tramontana ha voluto riproporre anche nei due nuovi singoli, disponibili da oggi, 6 dicembre, su tutte le piattaforme musicali e in rotazione radio, “Roll the Dice” e “And We Will Dance The Love”(feat. Marianne Solivan). Entrambi i brani sono tratti dal loro ultimo album “STRAY BOP” (distribuzione digitale EGEA MUSIC). 

“Roll The Dice” e “And We Will Dance The Love” si differenziano per suoni e atmosfere, ma rappresentano appieno la versatilità del duo, italiano d’origine, ma cosmopolita d’adozione. Ginaski e Alfonso sono stati in grado creare un nuovo genere, denominato “stray bop” che unisce la raffinatezza del jazz ai suoni grezzi dell’hip hop. 

“Il brano “And we will dance the love” è una ballad che abbiamo composto moltissimi anni fa, e solo adesso abbiamo trovato il sound che più si addice alle atmosfere che intendevamo riprodurre – raccontano i BARDAMÙ –. “Roll the dice” prende spunto da una celebre poesia omonima di Charles Bukowski; è una poesia che qualunque artista dovrebbe leggere almeno una volta per prepararsi alle difficoltà e non rischiare di impazzire… entrambi i brani sono in pieno stile Stray Bop: il jazz è infatti la base costante ma alcune sonorità e le metriche riconducono a un suono da strada, quella strada che il jazz contemporaneo ha ormai abbandonato da tempo rendendo tutto roba da conservatorio”.

 

 

Questa la tracklist del disco:

Stray Bop” (ft. K.Sparks, DjOoO Child & Marianne Solivan)

Space” (ft. Latasha)

Crossing” (ft Tormento)

Intermezzo” (ft. Michael Imperioli)

Nardis

And we will dance the love” (ft. Marianne Solivan)

Think of me” (ft. K.Sparks)

Ciudadano del mundo” (ft.Arturo O’ Farrill, Rolà, Orishas, tata Guine & Changuito)

Oban

Roll the dice

 

I BARDAMÙ sono due fratelli, Ginaski Wop (batteria, percussioni, sampler, voce) e Alfonso Tramontana (pianoforte, tastiere, sintetizzatore e voce). Da circa vent’anni sono “cittadini del mondo” e creano la loro musica facendosi influenzare da ogni luogo nel quale vivono. Dal 2000 hanno vissuto prima a Cuba, poi a Barcellona e Madrid. Oggi si dividono tra l’Italia, Roma in particolare, e gli Stati Uniti, dove sono un duo apprezzatissimo nei jazz club più importanti di Manhattan. Insieme scrivono musica e testi di tutti i loro brani e li producono e registrano nel loro studio mobile per le vie della città.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

TAG:
Bardamù Stray Bop

ultimo aggiornamento: 06-12-2019


Tv, Nove. A La Confessione, Fedez: “Io, tradito da J-Ax e Rovazzi”

Musica Internazionale, Nuove Uscite. Taylor Swift ci regala “Christmas Tree Farm”