Dopo il sold out e le oltre 70000 presenze del Circo Massimo lo scorso 11 luglio, per i Maneskin è tempo di sbarcare negli stadi. La band romanda capitanata da Damiano David, ospite negli studi di Fabio Fazio per la puntata di “Che tempo che fa” di domenica 16 ottobre, ha annunciato infatti l’arrivo di due date allo Stadio Olimpico di Roma e a San Siro di Milano previste rispettivamente per il 20 e il 24 luglio del 2023.

Damiano, Ethan, Thomas e Victoria proseguono quindi la loro marcia trionfale, mettendo un altro mattoncino prestigioso dopo che già negli scorsi mesi avevano calcato palcoscenici prestigiosi come quello del Coachella Festival o in apertura al tour americano dei Rolling Stones. In attesa di vederli in scena negli stadi, i Maneskin continuano a macinare numeri da capogiro: il loro ultimo singolo The Loneliest, infatti sta già volando in tutte le classifiche dei brani più ascoltati a livello globale.  Intanto a fine ottobre scatterà, con la prima data a Città del Messico, il Loud Kids Tour nel continente nord americano che durerà fino a dicembre, preludio al tour Europeo che vedrà impegnata la band romana dal febbraio al maggio del 2023. Quindi la doppia data negli stadi a chiusura di un periodo che si prospetta per i quattro ragazzi lanciati da X Factor decisamente denso di impegni.

Sarà possibile acquistare i biglietti per le date di Roma e Milano a partire dalle ore 11 di martedì 18 ottobre su vivoconcerti.com e ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati dalle 11 di domenica 23 ottobre.

LEGGI Tormentoni Italiani dell’Estate 2022, Diario e Playlist in aggiornamento

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Måneskin (@maneskinofficial)

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse


Daniela Pedali si spoglia per Andrea Dessì. Ecco il video di Ritmo Diablo e le prossime date dell’irresistibile chitarrista latin jazz

I Pinguini Tattici Nucleari a San Siro sono lo specchio del tempo che corre