Smantellata in Germania una fitta rete di utenti che si scambiavano materiale pedopornografico. Sfruttavano il dark web per scambiare immagini e video di violenze sui minori, più di 400.000 gli adepti della piattaforma Boysproud, sgominata dalla sezione anticrimine tedesca grazie all’aiuto di inquirenti nazionali ed internazionali.

Le autorità hanno definito la rete “una delle più grandi piattaforme di pedopornografia sul Dark net al mondo”. La Procura di Francoforte, con la cooperazione della polizia criminale federale, ha arrestato tre amministratori e un utente, tutti e quattro tedeschi. I tre sospettati principali individuati ad oggi sono un 40enne di Paderborn, un 49enne di Monaco e un 58enne del nord del Paese, che vive in Paraguay da molti anni, per il quale la Germania ha richiesto l’estradizione al paese americano. Un quarto sospettato è un 64enne di Amburgo, considerato tra gli utenti più attivi della community criminale, con più di 3.500 post caricati.

Gli arresti sono venuti dopo mesi di indagini internazionali, con una task force avviata dalla Germania e coordinata dall’Interpol con Olanda, Svezia, Australia, Usa e Canada. Già a metà aprile alcuni edifici legati alla piattaforma online erano stati perquisiti. I pubblici ministeri dichiarano di aver trovato “immagini dei più gravi abusi sessuali su bambini piccoli”, tra le foto e il materiale video.

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Iscriviti al GRUPPO OA PLUS

TAG:
Germania pedopornografia

ultimo aggiornamento: 03-05-2021


Resti nel bosco, sono della modella Federica Farinella scomparsa vent’anni fa. Sei i reperti ossei recuperati, a dieci metri da quelli trovati a ottobre scorso

Boris Johnson, il premier britannico è sul lastrico: “Non arriva a fine mese”