A causa del veloce aumento dei contagi, che ieri ha segnato un record assoluto con oltre 16mila casi in Italia, il governo Conte ha annunciato che entro sette giorni potrebbe annunciare nuove strette per tentare di arginare l’emergenza Coronavirus. Nel caso in cui la curva dei contagi non dovesse calare, come riferisce il Corriere della Sera, scatterà il coprifuoco in tutta Italia alle 21: misura estrema, che il premier Conte aveva inizialmente respinto anche perché comporterebbe la serrata di bar e ristoranti. Un altro provvedimento potrebbe essere la chiusura di palestre e piscine, questa settimana sotto esame da parte del governo per verificare che vengano rispettate appieno le regole di sicurezza.

Lunedì 26 ottobre è il termine fissato dal premier per adeguare i protocolli anti-Covid. Se, anche in questo caso, non saranno rispettati, la conseguenza sarà la chiusura forzata. Non solo: è al vaglio del governo l’ipotesi di varare un nuovo Dpcm che integri addirittura la possibilità di uscire dalle abitazioni solo per andare a scuola e al lavoro, dunque limitando al massimo gli spostamenti e le attività “non essenziali”.

 

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Iscriviti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse


Air New Zealand, arrivano i viaggi a sorpresa “Mystery Breaks”

Mistero di Caronia: “Sul corpo di Viviana Parisi lividi e ferite non compatibili con la caduta dal traliccio”