L’assassino ora lotta in ospedale tra la vita e la morte

Ha prima sparato contro quattro familiari, tra cui due ragazzini, uccidendoli, poi con la stessa arma si è sparato in diretta telefonica con i carabinieri.

Un vero e proprio massacro quello messo in atto da Angelo Tardino, 48 anni, che ha assassinato a colpi di pistola il fratello, la cognata e due nipoti prima di tentare la fuga. Una fuga che, appunto, si è conclusa quando, ormai braccato dai carabinieri, l’uomo si è sparato e si trova ora agonizzante in ospedale, in lotta tra la vita e la morte.

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, che hanno sentito alcuni vicini, la strage sarebbe riconducibile ad un violento diverbio nato per motivi economici e legato alla suddivisione di alcuni terreni della famiglia. 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: archivio LaPresse

TAG:
Angelo Tardino famiglia uccisa strage Agrigento

ultimo aggiornamento: 26-01-2022


Covid, sale al 18% l’occupazione delle terapie intensive in Italia

Pupo inserito dall’Ucraina nella lista dei criminali”. In passato era già successo ad Al Bano e Toto Cutugno: “Non mi fermerò”