Sale al 18%, in Italia la percentuale di terapie intensiva occupate da pazienti Covid, e cresce anche il tasso a livello giornaliero in 6 regioni: Abruzzo (21%), Calabria (17%), Campania (13%), FVG (24%), Lazio (22%), Marche (23%). Lo dicono gli ultimi dati diffusi dalla Agenas aggiornati al 25 gennaio 2022.

E’ in calo, invece, il tasso di occupazione delle TI in 4 regioni: Piemonte (23%), PA Trento (26%), Umbria (8%),Val d’Aosta (19%), mentre si mantiene stabile in Basilicata (8%), Emilia Romagna (17%), Liguria (18%), Lombardia (15%), Molise (5%), PA Bolzano (17%), Puglia (13%), Sardegna (15%), Sicilia (19%), Toscana (22%), Veneto (17%). Sette sono oltre il 20%: Abruzzo (21%),Trento (26%), Piemonte (23%), FVG (24%), Toscana (22%), Lazio (22%), Marche (23%).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: LaPresse

 

TAG:
Agenas terapie intensive

ultimo aggiornamento: 26-01-2022


Scuola, in arrivo nuove regole per Dad e quarantena: per gli studenti vaccinati solo 7 giorni di isolamento

Uccide quattro familiari per l’eredità, poi si spara in diretta con i carabinieri: massacro ad Agrigento