Il suo nome è Enzo Ghinazzi, ma tutti noi lo conosciamo con il nome d’arte che è Pupo. Il cantante, divenuto famoso in tutto il mondo per canzoni quali “Gelato al cioccolato” e “Su di noi”, porta da sempre la sua musica anche fuori dall’Italia, dalla Russia all’Australia, ma c’è un paese che da ieri gli ha vietato l’accesso: l’Ucraina.

Stando a quanto comunicato dall’ambasciata italiana, Pupo è stato inserito nella black list, la lista dove sono elencati i nomi degli ospiti indesiderati e ai quali è fatto divieto assoluto di entrare e in cui erano già finiti in passato Al Bano e Toto Cutugno. Il motivo di questa decisione è dovuto alla partecipazione di Pupo ad un festival musicale a Jalta, nella Crimea occupata dalla Russia. Sui social, il cantante ha spiegato:

“Il ministero degli Esteri italiano mi ha recentemente ed ufficialmente informato che il governo dell’Ucraina mi ha inserito nella lista nera, quella degli indesiderati, dei ‘criminali’. In pratica, se mi presento alla loro frontiera, rischio di essere arrestato”.

Tuttavia, il cantante, forse un po’ amareggiato, non intende abbattersi, e ha scelto di non fermarsi di fronte a questo stop:

“Peccato! Io comunque non mi fermerò. Continuerò a portare la mia musica in giro per il mondo. Dalla Russia all’Australia ed ovunque mi sarà data la libertà di cantare le mie innocue canzoni. Per questo, il prossimo aprile, tornerò di nuovo in Crimea. Lo farò con convinzione e senza nessun timore”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The Real Pupo (@enzoghinazzi)

Pupo, oltre che come cantante, grazie al suo sense of humor, in Italia è noto anche per alcune partecipazioni televisive quali, ad esempio, il Grande Fratello Vip, dove, assieme alla collega Antonella Elia, ha svolto il ruolo da opinionista. 

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Crediti Foto: enzoghinazzi/Instagram


Festival di Sanremo 2022, anticipazioni, ospiti, regolamento, scalette, cantanti e duetti. Sul palco dell’Ariston anche i Meduza

Giornata della Memoria: il 2021 è stato l’anno più antisemita degli ultimi 10 anni