Si è accasciata e a nulla è servito il tentativo disperato di un massaggio cardiaco

E’ morta a soli 46 anni, accasciata davanti allo sguardo del compagno.

Nei mesi scorsi, era stata morsa due volte alla schiena da un ragno violino: la prima settembre e la seconda a novembre.

Cristina Calzoni, residente a Gabicce Mare (provincia di Pesaro e Urbino) si trovava in una gattile a settembre quando si è accorta del primo morso. Ha avvertito un fastidio alla schiena (rossore e prurito) per qualche giorno che ha curato con delle pomate. 

Il secondo morso è invece avvenuto a novembre, sempre in gattile e sempre alla schiena. Ricorsa anche al centro specializzato antiveleni di Bologna e al suo medico per delle terapie, il dolore però è sempre aumentato. Nei giorni scorsi, la tragedia riportata da Il Resto del Carlino, con la donna che si accascia e il tentativo vano del compagno di praticarle un massaggio cardiaco.

Non ci sono dubbi sul fatto che si tratti di una morte naturale, ma va accertato se possa essere stata causata da un sovradosaggio di farmaci. Non verrà eseguita l’autopsia, ma un accertamento esterno del corpo.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: facebook


Scomparsa di Agata, dopo 10 anni arrestato l’ex della madre

LA FABBRICA DEI SOGNI di Chiara Sani. Cate Blanchett protagonista del primo film di Pedro Almodovar in lingua inglese