Una vicenda sconvolgente arriva da Ivrea, provincia di Torino.

Un uomo di 53 anni si è sparato alla tempia mentre era in videochiamata in diretta con la figlia di 6 anni.

Il gesto è stato compiuto dall’uomo per punire la moglie che lo aveva lasciato, colpevole della sua infelicità: è quanto l’uomo ha scritto in un biglietto rivolto alla famiglia.

Agghiaccianti i particolari del tragico finale. Il 53enne, dopo aver scritto il biglietto, ha chiamato la figlia di 6 anni e ad un certo punto si è puntato la pistola alla tempia e ha fatto fuoco.

L’uomo era stato denunciato dalla moglie per maltrattamenti e da qualche tempo era alle prese con problemi di salute, riporta il quotidiano La Stampa.

La famiglia si era separata la scorsa estate: il nucleo era composto, oltre che dai due genitori, da tre figli tutti minorenni, che avevano trovato ospitalità in una struttura protetta dal momento che, dopo la denuncia, era scattato il «codice rosso», la procedura che tutela le donne vittima di violenze.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Foto: LaPresse

TAG:
Ivrea suicidio suicidio in diretta videochiamata

ultimo aggiornamento: 22-12-2020


Scuola, la variante inglese del Covid rischia di far saltare il rientro in aula il 7 gennaio

“I pipistrelli non sono uccelli, ma mammiferi”. Così un tredicenne corregge in tv Bruno Vespa