“Il Procuratore generale ha annunciato che per il momento non c’è alcuna ragione per intraprendere procedure penali circa l’uccisione, il sequestro e la tortura della vittima Giulio Regeni, in quanto il responsabile resta sconosciuto”.

E’ quanto in un comunicato ha ribadito la Procura generale egiziana. La notizia arriva dopo che la magistratura italiana il 10 dicembre scorso aveva chiuso le indagini contro 4 appartenenti ai servizi egiziani, passo che, appunto, precede l’apertura di un processo.

Secondo l’Egitto, però, come ha specificato lo stato africano, i passi da seguire sono altri, ed infatti il Procuratore “ha incaricato le parti cui è affidata l’inchiesta di proseguire le ricerche per identificare i responsabili”.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

 

Foto Claudio Furlan – LaPresse

TAG:
Egitto Giulio Regeni Italia omicidio

ultimo aggiornamento: 30-12-2020


Legge di Bilancio: arriva “Iscro”, la cassa integrazione per le partite Iva

“Pelusa”, dal Salento l’omaggio di Antonio Ancora a Diego Armando Maradona