Mancava solo questa, per i consumatori già alle prese con un ritorno nei negozi che, come segnalato dal Codacons, ha visto anche aumenti del 25%, specie da parrucchieri ed estetisti, ma anche in alcuni bar dove i caffè sono schizzati a un +20 cent a tazzina.

L’associazione di consumatori denuncia diverse segnalazioni di scontrini che riportano un sovrapprezzo “che va mediamente dai 2 ai 4 euro, applicato in particolare da parrucchieri e centri estetici ai propri clienti”, ha specificato il Presidente Carlo Rienzi. Il Codacons parla di “un vero e proprio far west illegale che potrebbe configurare il reato di truffa, e contro cui il Codacons presenta una denuncia alla Guardia di Finanza e all’Antitrust”.

Ma c’è di più. Sempre Rienzi aggiunge infatti che “si registrano casi di centri estetici che obbligano i clienti ad acquistare in loco un kit monouso costituito da kimono e ciabattine, alla modica cifra di 10 euro”. E chi non versa questa sorta di tassa e rifiuta l’acquisto del kit non può sottoporsi ai trattamenti.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

TAG:
codacons covid rincari

ultimo aggiornamento: 23-05-2020


Le Frequenze di Tesla e il corteggiamento di “Charles Watson”. Riviviamo la performance a “L’Italia in una stanza” – VIDEO

Lidia Schillaci, singolo e secret live dalla terrazza di Castellamare del Golfo per ricordare la strage di Capaci