Scatterà la zona gialla se l’occupazione delle terapie intensive sarà superiore al 5% dei posti letto a disposizione e se quella dei reparti ordinari supererà il 10%. Sarebbe questa, secondo quanto si apprende da diverse fonti di governo e delle regioni, l’ipotesi alla quale si sta lavorando per rivedere i parametri del monitoraggio con il quale vengono attribuite le fasce di colore alle Regioni.

Intanto, il tasso di positività in Italia attualmente è del 2,3%, in aumento rispetto all’1,9% di ieri. Tornano a salire le terapie intensive e i ricoveri per Covid, oltre ai ricoveri nei reparti ordinari. Sono 162 i pazienti in rianimazione per Coronavirus in Italia, in aumento di sei nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 16 (ieri 3). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.188, quindi 52 in più rispetto a ieri.

Scendono leggermente, invece, i positivi ai test per i Covid individuati nelle ultime 24 ore, pari a 2.072 secondo i dati del ministero della Salute. Sono invece 7 le vittime in un giorno. Sono 89.089 i tamponi molecolari e antigenici per il Coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 

Crediti Foto: LaPresse

 

 

 

TAG:
covid monitoraggio ricoveri terapie intensive

ultimo aggiornamento: 20-07-2021


Lascia il figlio di 7 anni fuori al freddo per punizione: muore d’infarto. Accusata di omicidio colposo e crudeltà

Il maestro 30 enne di inglese e la violenza sessuale alla piccola alunna di 6 anni: rinvio a giudizio ad Ancona