Abu Walaa è un imam iracheno di 37 anni che opera in bassa Sassonia e nell’area del Ruhr. Veniva chiamato “predicatore senza volto”, perché era divenuto famoso per i video girati di spalle tramite i quali radicalizzava i giovani musulmani di Germania per convincerli a prendere parte alla lotta per lo stato islamico, di cui in Germania era riconosciuto come leader.

Per questi motivi, il tribunale di Celle, in Germania, ha condannato Walaa a scontare 10 anni e 6 mesi di prigione, poiché dalla città settentrionale di Hildesheim,  dove abitava gestiva una vasta organizzazione sovversiva con cui reclutava giovani da inviare a difesa del Califfato in Iraq e in Siria.

Dal 2017, per questo “caso speciale”, come lo ha definito il giudice Frank Rosenow pronunciando la sentenza, sono stati svolti 245 giorni di udienze. Tra i ragazzi “convertiti” dall’imam, ci sarebbero anche almeno uno dei tre adolescenti che sono stati condannati per un attentato del 2016 contro un tempio Sikh a Essen, nella Germania occidentale.

L’accusa aveva chiesto per Walaa più di undici anni, mentre la difesa continuava a chiedere l’assoluzione, criticando le parole del testimone chiave del processo. Insieme all’imam altri tre uomini affiliati all’Isis, condannati dai 4 agli 8 anni di carcere ciascuno.

L’imam era arrivato in Germania nel 2001 come richiedente asilo, ed è stato arrestato nel 2016 dopo un’indagine dei servizi di sicurezza tedeschi. Almeno otto sono i giovani jihadisti reclutati da Walaa, compresa la coppia di fratelli gemelli tedeschi che ha commesso il sanguinoso attacco suicida in Iraq nel 2015 e Anis Amri, il tunisino che ha ucciso dodici persone guidando un camion dentro un mercatino di Natale di Berlino nel 2016.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: Shutterstock.com

TAG:
imam islam

ultimo aggiornamento: 25-02-2021


L’autopsia ha svelato com’è morto il piccolo Evan, un massacro da parte di chi avrebbe dovuto amarlo e proteggerlo

Vaccino anti Covid, Moderna consegna un siero contro la variante sudafricana