Seconde case, lavoro e turismo: il Governo ha pubblicato sul proprio sito le domande e le risposte più frequenti riguardo gli spostamenti di Natale 2020. Le regole non cambiano rispetto al decreto del 18 dicembre, ma Palazzo Chigi ha voluto chiarire eventuali dubbi. Vediamo insieme i punti fondamentali

Sarà ancora possibile, dal 24 dicembre al 6 gennaio, tornare alla propria residenza o abitazione? 

Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre un motivo legittimo di spostamento, anche se ci si trova al di fuori della propria Regione.

Sarà possibile spostarsi per tornare al proprio luogo di lavoro o per motivi di necessità o di salute?

Gli spostamenti per comprovati motivi di necessità, quali lavoro o salute, sono sempre possibili (senza distinzione tra giorni e orari).

Durante le feste sarà consentito andare a trovare amici o parenti?

Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, sono vietati tutti gli spostamenti (anche per far visita ad amici o parenti) che comportino l’uscita dalla Regione di residenza. Nei giorni festivi e prefestivi (24, 25, 26, 27 e 31 dicembre e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio) sarà possibile, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici (anche verso altri Comuni) ma sempre (e solo) all’interno della stessa Regione. Lo spostamento è concesso tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di 2 persone che potranno, in ogni caso, portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone non autosufficienti con le quali convivono. Nei giorni 28, 29 e 30 dicembre e 4 gennaio sarà possibile spostarsi liberamente, fra le 5 e le 22, all’interno del proprio Comune. Negli stessi giorni sarà possibile anche, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici in un Comune diverso dal proprio.

In quali casi è possibile spostarsi nella seconda casa nel periodo dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021? 

Le regole speciali previste per le giornate del 25, 26 dicembre e 1 gennaio sono state assorbite dalla disciplina unica per i giorni prefestivi e festivi del periodo natalizio. Conseguentemente, nel periodo compreso tra il 21 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, gli spostamenti di un nucleo familiare convivente verso le seconde sono sempre consentiti, dalle 5 alle 22, all’interno della propria Regione e sempre vietati verso le altre Regioni.

Io e la mia famiglia ci siamo trasferiti nella nostra seconda casa, in un’altra regione, entro il 20 dicembre. Io dovrò tornare al lavoro, nella regione di provenienza, per alcuni giorni. Potrò tornare da loro entro il 6 gennaio?

No. Gli spostamenti verso le seconde case, in una regione diversa dalla propria, sono vietati dal 21 dicembre al 6 gennaio.

In base alle disposizioni in vigore, è consentito recarsi in un altro Comune o in un’altra Regione per turismo?

Gli spostamenti per turismo verso un’altra Regione non sono consentiti fino al 6 gennaio 2021 compreso. Dal 24 dicembre non sono consentiti neanche all’interno della stessa Regione.

In caso di violazione dei stringenti divieti di spostamento previsti durante le prossime festività, si applica comunque la consueta sanzione amministrativa da 400 a 1.000 Euro?

Sì, come previsto dall’art.1, comma 3, del cosiddetto “decreto Natale” (decreto-legge 18 dicembre 2020, n. 172), la sanzione applicabile è quella amministrativa, da 400 a 1.000 Euro.

 

 

TAG:
Decreto natale Natale 2020 spostamenti natale

ultimo aggiornamento: 22-12-2020


Maxi-truffa in criptovalute: arrestato un fiorentino 34enne

Coronavirus, arriva la moneta da 2 Euro dedicata a medici e infermieri: “Grazie”