Nelle prime tre puntate Vittoria Schisano si è presa la scena di “Ballando con le stelle“, in coppia con il maestro Marco De Angelis, riuscendo sempre a salvarsi. Centreranno l’impresa anche questa sera?

https://www.instagram.com/p/CGK5bLdndmT/

VITTORIA SCHISANO – CHI E’

Vittoria Schisano, nata con il nome di Giuseppe, nasce a Pomigliano d’Arco l’11 novembre 1983 e studia recitazione per iniziare con la carriera teatrale e poi passare alla tv anche con film. Nel 2011 dichiara di voler cambiare sesso e prosegue nella sua carriera di attrice. Nel 2017 pubblica l’autobiografia “La Vittoria che nessuno sa” e nel 2020 partecipa a “Ballando con le stelle“.

https://www.instagram.com/p/CGK7IcDCEUD/

In una recente intervista l’attrice ha parlato a “Novella 2000” del suo cambio di sesso: “Con mia madre in passato abbiamo vissuto un periodo di incomprensione. Quando le ho detto la verità sulla mia identità, c’è stato un momento in cui non ha capito e ha provato ad opporsi alla mia volontà. Poi ci siamo capite, ma quando avrei avuto bisogno di una carezza lei non c’è stata. Ho trasformato la mia sofferenza in forza e facendo ciò mi sono investita di una grande responsabilità. In tanti mi ringraziano dicendomi che per loro rappresento un esempio dignitoso“.

https://www.instagram.com/p/CGINEhtH0sH/

Sulla sua partecipazione a “Ballando con le stelle” ha affermato: “Non mi aspettavo e non meritavo il 3 di Mariotto alla prima puntata. Al di là di questo, non sto a sindacare i giudizi. Fabio Canino mi ha consigliato con affetto di non parlare più della mia infanzia. Ho compreso il suo consiglio, ma io voglio parlare della mia infanzia perché fa parte di me. Voglio lanciare un messaggio“.

https://www.instagram.com/p/CF2bL9CH7qJ/

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Iscriviti al GRUPPO OA PLUS

Foto: LaPresse

TAG:
Ballando con le stelle vittoria schisano

ultimo aggiornamento: 10-10-2020


AREA SANREMO 2020. Rossana Casale e Erica Mou tra i nuovi giudici

‘Un giorno in pretura’, in onda tra poco il caso di Gloria Pompili, pestata a morte davanti ai suoi bambini