Ha colpito i giudici con la sua voce ma anche con la sua personalità: il mix perfetto che ha portato Francesco Franco da Livorno, ma per tutti Blue Phelix, dritto dritto ai live di X Factor, che partono domani sera con tante novità.

Il ventiduenne livornese è uno dei tre componenti della squadra di Emma – finita al centro delle polemiche dopo la discussa scelta di non portare con sè Roccuzzo, che  – degli Under Uomini. Grande tecnica e versatilità vocale, Blue Phelix suona chitarra e pianoforte.

Ma quello che più è saltato all’occhio di lui è la sua forte personalità. Nato e cresciuto nella provincia italiana, Francesco ha fatto armi e bagagli vero Londra, metropoli cosmopolita e internazionale, con una mentalità decisamente più aperta in modo da poter vivere in assoluta libertà la propria fluidità di genere. Uno status ribadito sempre con grande orgoglio, malgrado l’Italia e la sua mentalità a volte poco al passo coi tempi sembra essere ancora riottosa sotto questo punto: «Io sono gender fluid: è questa la mia identità di genere. Molte persone in Italia non riescono a comprenderlo, ma è arrivato il momento di farlo capire» ha ribadito in un’intervista concessa a Open.

Accanto alla battaglia per l’affermazione della persona, per Blue Phelix c’è da coltivare il sogno di diventare un cantante E X Factor sembra essere davvero il palcoscenico giusto per allargare il proprio pubblico anche al di fuori del contesto dei social, in particolare di Tik Tok dove è una vera e propria star con oltre centomila seguaci. Prima di affrontare una nuova, impegnativa sfida: scrivere qui in Italia i prossimi capitoli della sua nuova vita.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#xfactoritalia

Un post condiviso da blue phelix (@bluephelix_official) in data:

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Frame video X Factor


Kylie Minogue ci porta in un’atmosfera groovy con il nuovo singolo “I Love It”

Coronavirus. Morto Pino Scaccia, inviato nella Guerra Nel Golfo per il Tg1. Era ricoverato al San Camillo per altre patologie