Di Stefano Vegliani

La legge di Murphy prevede che nella settimana in cui i ristoranti posso riaprire, se hanno la possibilità di servire all’esterno, sia brutto tempo. Però il decreto che permette le aperture italiano è senz’altro un passo avanti verso quella sorta di normalità che, grazie a una campagna vaccinale potente, vediamo a Londra e a New York. A New York, per esempio, tranne nel periodo di lockdown assoluto a marzo e aprile 2020 il servizio all’aperto è sempre stato permesso, addirittura è stata cambiata la legge che impediva per la sicurezza anti incendio di usare sia i funghi a gas che le resistenze elettriche riscaldanti.  Alcune strade sono state chiuse al traffico per poter mettere i tavoli outdoor. Con l’arrivo dell’inverno c’è chi ha costruito delle casette, chi ha usato degli igloo di plastica trasparente che fanno tanto arredo urbano. Certo non tutti hanno avuto questa possibilità: si calcola a livello nazionale che il 17 per cento dei ristoranti abbia chiuso definitivamente nonostante i consistenti ristori economici. Anche i bar per poter rimanere aperti con il servizio esterno dovevano servire del cibo ai clienti rigorosamente seduti: niente birra da asporto nel bicchiere di plastica con la gente assembrata lungo il Naviglio. Insomma, qualcosa da come si sono organizzati all’estero si poteva imparare.

Ma ora, comunque, si può tornare al ristorante, ecco allora una lista di locali sparsi un po’ per tutta Italia che hanno la possibilità di servire pranzo e cena (dalle 19) con tavoli all’aperto. La settimana con la nuvola di Fantozzi passerà!

 

MILANO

 

142

Corso Colombo 6, 0247758490

www.142.redstaurant

il regno di Sandra Ciriello, ex Alice che ha chiamato accanto a se un trio di giovani di talento

 

28 Posti

Via Corsico 1, 0228392377

www.28posti.org

Marco Ambrosino, un mago delle contaminazioni mediterrannee ma con un occhio anche più lontano: dall’Asia al Sudamerica.

 

Al Mercato,

corso Venezia 18, 0245474553

www.al-mercato.it

In frego dell’amburgher e delle steaks bbq, che oggi ha in carta anche un panino veg

 

Al Pont de Ferr

Ripa di Porta Ticinese 55, 02289406277

www.pontdeferr.it

Un lovale che possiamo definire storico sui navigli guidato con maestria da Maida Mercuri. Clima da osteria, ma gura cura nei piatti

 

Ceresio 7

Via Ceresio 7, 0231039221

www.ceresio7.com

Uno dei rooftop piu belli di Milano dove la mano sapiente di Elio Sironi può essere accompagnata dai cocktail di Guglielmo Miriello

 

Crosta

Via Bellotti 13, 0238248570

www.crosta.eu

la pizza più originale  di Milano con tanti ingredienti orginali, può capitare anche l’ananas

 

Distreat

Via Imperia 3, 3396778204

www.distreat.it

Un grande cortile a NaPa (Naviglio Pavese) la nuova zona trendy di Milano dove tre giovani che si sono conosciuti al Ratanà hanno creato un gioiellino

 

Identità Golose

Via Romagnosi 3, 0223668900

www.identitagolosemilano.it

Grazie al giardino interno l’hub di Identità Golose riprende con il menù di Andrea Ribaldone ed Edoardo Traverso durante la settimana, da maggio ritornano pranzi e cene a tema con tanti chef a cominciare daglki allievi di Massimo Bottura Jessica Rosval e Francesco Vincenzi

 

Manna,

Piazzale del Governo Provvisorio 6, 0226809153

www.mannamilano.it

Una piazzetta fatta apposta per poter mettere i tavoli all’aperto. Pranzo, aperitivo già dalle 16, cena. Tutto assaggiando quello che Matteo Fronduti si inventa con grande attenzione alle materie prime.

 

Un Posto a Milano

Via Cuccagna 2, 025457785

www.unpostoamilano.it

Se c’è un posto perfetto per mangiare all’aperto a Milano, questo è il cortile della Cascina Cuccagna. Qui, dall’apertura comanda Nicola Cavallaro, impossibile rimanere delusi.

 

Ratanà

Via de Castilla 28, 0287128855

www.ratana.it

Il caposaldo della cucina milanese contemporanea, tanto che Cesare Battisti ci ha scritto anche un libro. Uno dei locali preferiti dal Sindaco Sala. Un giardino perfetto per mangiare all’aperto

 

Triennale Osteria Con Vista

Viale Alemagna 6, 0236644340

www.osteriaconvista.it

Spettacolare terrazza affacciata sul Parco Sempione dove gustare la ricca carta dello chef Stefano Cerveni

 

 

ROMA

 

Armando al Pantheon

Salita de’ Crescenzi, 31 – 06-68803034

www.armandoalpantheon.it

Locale storico per assaggiare la tradizionale cucina romana

 

 

Carnal

Via dei Gracchi 19, 0642917690

www.carnal.it

C’è la mano di Roy Caceres dietro questo locale dall’impronta sudamericana, ma con tante contaminazioni mediterrannee

 

La Pergola del Rome Cavallieri

Via Alberto Cardiolo 101, 0635092152

www.romecavallieri.it/lapergola-it/

Heinz Beck e le sue tre stelle Michelin ammirando i tetti di Roma

 

Luciano Cucina Italiana

Piazza del Teatro di Pompeo 18, 0651531465

www.lucianocucinaitaliana.it

Per molti la carbonara di Luciano Monosilio è la migliore del mondo, sicuramente è imperdibile. Ma non c’è solo la carbonara nel menu

 

Marzapane

Via Flaminia 64, 0664781692

www.marzapaneroma.it

A dare man forte alla brigata di Marzapane è arrivato dallo stellato toscano caino Guglielmo Chirapini. Piatti apparentemente semplici, ma sofisticati nel gusto

 

Osteria dell’Ingegno

Piazza di Pietra, 45 – 06 6780662

https://www.facebook.com/osteriadellingegno

uno degli spazi all’aperto più suggestivi in città l’Osteria affacciata su piazza di Pietra, con i tavolini che guardano l’antico tempio di Adriano

 

TORINO

 

Del Cambio

piazza Carignano 2, 011546690

www.delcambio.it

Matteo Baronetto, due stelle, oramai è più che una certezza nel locale storico amato da Cavourù

 

VENEZIA

Glam di Palazzo Venart

calle Tron 1961, 0415235676

www.ristoranteglam.com

Si affaccia sull’acqua la terrazza del ristorante Glam dove Donato Ascani incanta con le sue straordinarie materie prime

 

FIRENZE

 

Insolita Trattoria due Soldi

via Gabriele D’Annunzio 4r/a, 055679366

www.insolitatrattoria.it

un nome che rappresenta perfettamente il menù di un ristorante dove non è mai quello che sembra.

 

Stefano Vegliani è stato per 29 anni la voce e il volto degli sport Olimpici per la redazione sportiva di Mediaset e Premium Sport. Ha inseguito Tomba su tutte le piste del mondo per due lustri, ha raccontato la carriera di Federica Pellegrini dalla prima medaglia olimpica nel 2004 allo strepitoso oro mondiale di Budapest. Ha puntato su Gregorio Paltrinieri quando in redazione lo guardavano con aria interrogativa, e non ha mai dimenticato l’iniziale passione per la Vela spiegando la Coppa America da Azzurra a Luna Rossa, e rincorrendo Soldini in giro per il mondo. Vegliani, giovane pensionato da settembre del 2017, ha “partecipato” come inviato a 16 Olimpiadi, l’ultima a Pyeongchang in Corea, impegnato con la squadra di Eurosport. Collabora a Il Foglio Sportivo e al sito www.oasport.it. Maratoneta sotto le quattro ore. Come molti e illustri inviati sportivi ha la passione per il buon cibo. Dopo aver inseguito Tomba assieme a Paolo Marchi collabora con Identità Golose dalla primissima edizione. Inizia oggi la sua collaborazione con il portale online di intrattenimento OaPlus, per il quale curerà ogni settimana una rubrica dedicata all’alta cucina.

Clicca qui per leggere gli altri articoli su OA PLUS di STEFANO VEGLIANI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse


Rubrica, 80PARADE. Milva, Giuni Russo, Olivia Newton-John, The Cure, Pino Daniele

Rubrica, TALENTONE. Iskra Menarini, Wlog, Eleonora Catalani, Fernando Alba, Valentina Mattarozzi