Ecco la nuova rubrica 80PARADE Cosa resterà degli anni 80? con 5 brani tratti dalle classifiche settimanali e annuali italiane degli anni ‘80.

Un’occasione imperdibile per riscoprire canzoni e artisti che hanno segnato un’epoca che sta vivendo un momento speciale di rivalutazione.

 Questa settimana il ricordo di Milva, la voce  immortale di Giuni Russo, l’energia di Olivia Newton-John, l’intensità dei The Cure e l’ironia funk di Pino Daniele.

Alexanderplatz – Milva [#-, 1982]

Milva continua l’esperienza di album monografici affidandosi all’estro rivoluzionario di Franco Battiato per “Milva e dintorni“, che esce nel 1982 ideato, prodotto e arrangiato dal maestro siciliano. Dall’album viene estratto il 45 giri “Alexander Platz” (cantato anche in francese e in tedesco) che viene pubblicato solo per il mercato estero (per questo non entrato nelle classifiche italiane), diventando uno dei brani più caratteristici della discografia di Milva.

Mediterranea – Giuni Russo [#33, 1984]

Nel 1984 appare in classifica un brano d’atmosfera solare e melodioso cantato dall’inimitabile Giuni RussoMediterranea”. Giuni, molto legata a questo brano, insistette che fosse utilizzato per la promozione dell’album omonimo, mentre la sua discografica Caterina Caselli cercò di puntare solo sul lato B del 45 giri, “Limonata Cha Cha Cha”, brano decisamente più commerciale ed estivo. Nel testo, composto dalla stessa Giuni, compare una citazione tratta da “La bohème“ di Giacomo Puccini, mentre la musica è stata composta da Maria Antonietta Sisini.

Physical – Olivia Newton-John [#13, 1982]

La mega hit uscita nel 1981, “Physical”, della mitica Sandy di Grease ovvero Olivia Newton-John in breve tempo diventa una delle maggiori hit di tutti gli anni ’80. Il brano, tratto dall’album omonimo, ha vinto il Grammy Award per miglior singolo pop del 1982. La canzone è stata scritta da Steve Kipner e Terry Shaddick, inizialmente per Rod Stewart, e poi prodotta dal collaboratore della Newton-John John Farrar.

Lullaby – The Cure [#7, 1989]

Lullaby” è identificabile come il maggior singolo di successo dei The Cure, l’unico loro singolo ad aver raggiunto la Top 5 in Gran Bretagna, che in Italia raggiunge la posizione #7. Il singolo pubblicato il 10 aprile 1989 è il primo estratto dall’ottavo album in studio “Disintegration”, ed è composto dal leader Robert Smith.

Nun me scoccià – Pino Daniele [#7, 1980]

L’indimenticabile bluesman partenopeo Pino Daniele, dopo i successi di “Napule è” e “Je so’ pazzo” inizia gli anni ‘80 pubblicando “Nun me scoccià”, singolo tratto dall’album capolavoro “Nero a metà”, terzo lavoro del cantautore napoletano. Il brano è accompagnato dal lato B “I Say I’ Sto Ccà”.

Artisti che hanno segnato la storia del pop italiano e internazionale con brani leggendari e cult da riassaporare per capire meglio il mondo musicale odierno. Buon ascolto!

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Rubrica, Mei. MUSICA IN GIALLO DI ROBERTA GIALLO. “LA LIBERTÀ NELLE CANZONI DI SERGIO PENNAVARIA E ERICA BOSCHIERO, CANTAUTORI RESISTENTI”

Spagna, concerto-esperimento di Barcellona con 5mila persone: nessun contagio