LʼAusl ha definito un “grave errore” lʼepisodio scatenato da un selfie di uno degli operatori sanitari

Indagini

I Nas di Parma hanno avviato indagini sulla notizia delle dosi avanzate di vaccino “Pfizer-Biontech” che a Modena sarebbero state somministrate ai figli e ai parenti degli operatori sanitari, dopo il vano tentativo di contattare altri professionisti, della sanità, che ne avrebbero avuto diritto. Si tratta, al momento, di accertamenti preliminari. Solo in seguito si valuterà un eventuale rilievo penale. Il fatto sarebbe successo martedì sera al centro unico vaccinale di Baggiovara (Modena). A ricostruire l’episodio, che l’Ausl modenese ha definito “un errore grave”,  è stata la “Gazzetta di Modena”. Le dosi avanzate erano destinate ad essere buttate via se non fossero state somministrate entro fine giornata.

Selfie sui social

Le “boccette” del vaccino “Pfizer-Biontech”, una volta aperte, hanno una durata di poche ore. Per questo motivo gli operatori hanno deciso di “convocare” i congiunti. In particolare un volontario di un’associazione di pubblica assistenza, che prestava servizio al centro vaccinale, ha contattato le figlie per vaccinarle con le dosi avanzate, condividendo poi le foto sui social.

“Un episodio spiacevole, sicuramente un errore che non si ripeterà, ma accaduto in assoluta buona fede. Nella pressione e consapevolezza di non poter sprecare nemmeno una dose di questo prezioso vaccino”. commenta l’Ausl di Modena l’accaduto.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: LaPresse

 

 

 

 

 

TAG:
Coronavirus vaccino modena vaccino

ultimo aggiornamento: 07-01-2021


Addio a Solange, sensitivo e noto volto televisivo

OA PLUS ITALIAN CHART (Week 1/2021): Diego Rivera e Greta Zuccoli resistono, Samuel e Colapesce debuttano