Un’altra valigia contenente un corpo fatto a pezzi è stata trovata a ridosso del carcere fiorentino di Sollicciano. La valigia contiene il busto di una donna saponificato.

Il 10 dicembre nella stessa zona erano state trovate due valigie con i resti di un uomo la cui autopsia è stata svolta lo scorso fine settimana ed ha accertato che il cadavere è di un uomo di carnagione bianca, di età matura. L’uomo ha un tatuaggio su un avambraccio ma non è ancora stato identificato. È stato ucciso con una coltellata alla gola. Si attende l’esito dell’esame del DNA.

Gli omicidi sono avvenuti verosimilmente dai 6 mesi ai 2 anni fa e molto probabilmente le valigie sono state gettate dalla superstrada.

La prima valigia era stata trovata dal pensionato proprietario del terreno che afferma di non aver tagliato l’erba in quella zona da almeno due anni e dato lo stato usurato delle valigie si suppone che siano state gettate almeno un anno fa.

La scoperta della seconda valigia l’hanno fatta i carabinieri durante un sopralluogo e così anche la terza valigia è stata trovata dall’arma. Domani ci sarà un nuovo sopralluogo da parte dei Carabinieri con l’ausilio di un’unità cinofila specializzata nella ricerca dei cadaveri del nucleo cinofili dell’arma di Bologna.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

 

TAG:
cadavere carabinieri Firenze saponificato Sollicciano valigia

ultimo aggiornamento: 14-12-2020


Miss Italia 2020, trionfa la romana Martina Sambucini

Loquis, l’app italiana di viaggi che ha conquistato il web