E’ morto all’età di 72 anni uno dei personaggi più amati della saga di Harry Potter, il fido Rubeus Hagrid, un personaggio che ha portato gioia a bambini e adulti in tutto il mondo.

Per il ruolo del ‘mezzogigante’ di Harry Potter, Robbie Coltrane ha ricevuto candidature ai Premi Bafta e ai Saturn Awards. 

Sembra che sia stata proprio la scrittrice J.K. Rowling (autrice di Harry Potter) a chiedere personalmente a Coltrane di interpretare la parte di Rubeus Hagrid, il gigante custode delle chiavi e guardiacaccia nella Scuola di Magia di Hogwarts. 

L’attore scozzese Robbie Coltrane ero un talento unico e speciale, caratterizzato dalla sua fisicità singolare e perfetta per il cinema. Nel Regno Unito era una vera e propria star, grazie al suo ruolo in due film della saga di James Bond, ‘GoldenEye’ (1995) e ‘Il mondo non basta’ (1999). Inoltre era amatissimo per la sua interpretazione di uno psicologo criminale nella serie TV “Cracker”, per cui ottenne tre Premi Bafta consecutivi nel 1994, 1995 e 1996.

Coltrane iniziò il suo percorso artistico come cabarettista in un club di Edimburgo. Purtroppo era amante degli eccessi e il suo aumento di peso era dovuto principalmente all’alcool (“Una bottiglia di Whisky al giorno o niente”).

La fama internazionale la ottenne con Harry Potter e ieri l’autrice J. K. Rowling ne ha ricordato in un tweet il “talento incredibile… non conoscerò mai qualcun altro lontanamente simile a Robbie. Sono stata più che fortunata a conoscerlo, lavorare e ridere a crepapelle con lui”.

Crediti Foto: IG Harry Potter

Segui OA Plus su Instagram 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

TAG:
Robbie Coltrane morte

ultimo aggiornamento: 15-10-2022


“Venite, ho ucciso mia madre”: folle gesto ad Arezzo, figlio uccide la madre e poi chiama i Carabinieri

LIVE GFVIP7. Puntata di Lunedì 17 Ottobre. Pamela non indagata sull’utilizzo dei bambini. Sonia ad Antonino: “Ti senti troppo figo, anche meno”. Al televoto Cristina, Giaele, Antonino, Alberto, Attilio e George