A pochi giorni dall’uscita del film sulla sua vita, “Mi chiamo Francesco Totti”, che sta suscitando tantissimi commenti positivi, Francesco Totti, si affaccia su Instagram per lasciare un messaggio, una conferma di quanto fosse già trapelato settimane fa.

L’ex capitano giallorosso è stato colpito dal coronavirus e ha voluto confermarlo direttamente attraverso le sue parole, dopo che la notizia era già stata data da vari siti e blog.

Totti, che ha perso il papà per lo stesso motivo per cui si è ammalato lui, ci ha tenuto a far sapere a tutti i suoi sostenitori che ora sta meglio, ma che non è stata affatto una passeggiata:

“Ciao a tutti! Come avete saputo in queste ultime settimane non sono stato bene. Ora mi sono ripreso e posso dirvi con un certo sollievo che ho avuto il COVID e non è stata una passeggiata: febbre che non scendeva, saturazione dell’ossigeno bassa e le forze che se ne andavano.

Il campione della Roma, ha raccontato che quando ha appreso la notizia è stato difficile e ci ha tenuto a ringraziare i medici che lo hanno guarito, tra cui il Dottore Alberto Zangrillo, il primario del San Raffaele di Milano, che in questi mesi si è spesso espresso in pareri abbastanza polemici e contrari a quanto affermato da altri colleghi:

“La diagnosi è stata un colpo al cuore: POLMONITE BILATERALE per infezione da Sars Cov 2! Vista la tempestività della diagnosi sono riuscito a curarmi da casa, 15 lunghi giorni ma adesso che tutto è passato voglio ringraziare coloro che mi sono stati più vicini e quindi un grazie speciale al Prof. Alberto Zangrillo alla Prof. Monica Rocco e Silvia Angeletti.
Il COVID si può battere con le giuste precauzioni e indicazioni”.

 

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 

 

Crediti Foto: francescototti/instagram


NUMERO UNO la storia continua… una playlist per la rinascita dell’etichetta di Mogol/Battisti

Classifica Radio EARONE Airplay Italiana, week 47. I Boomdabash puntano la vetta occupata dai Negramaro