La portavoce della scuola Ramtha: “Forniamo informazioni alle persone su come affrontare e superare le sfide della vita, non su come evitarle”

Trovati morti in casa sulle colline forlivesi, Paolo Neri e Stefania Platania, 67 anni lui e 65 lei, ex dipendenti del Senato in pensionesi sono sparati un colpo al volto, in camera da letto. Così sono stati trovati sabato intorno alle 20.00 a Spinello, frazione di Santa Sofia in provincia di Forlì-Cesena.

Nell’ombra del suicidio, si fa spazio la comunità dei ‘Ramtha‘ cui la coppia apparteneva o aveva appartenuto sino al 2012. Nessun problema di denaro, nessun problema di salute e a detta di uno dei figli, dei progetti in cantiere. Questo getta dubbi sul gesto della coppia e JZ Knight, fondatrice della Rse – Ramtha’s School of Enlightenment (Scuola di Illuminazione di Ramtha), in difesa della scuola: ” “Paolo Neri e Stefania Platania hanno frequentato i corsi della Rse tra il 2003 e il 2012. La Rse non ha avuto contatti con loro dall’ultima volta che hanno partecipato a un seminario, dieci anni fa. Gli insegnamenti della scuola Ramtha celebrano la vita. Forniamo informazioni e tecniche alle persone per affrontare e superare le sfide della loro vita, e non evitarle. I concetti fondamentali insegnati nella scuola sottolineano la sacralità della vita umana. La scelta fatta dalla coppia è tragica e non rispecchia assolutamente la filosofia della scuola“.

All’inizio l’ipotesi era omicidio-suicidio perché le forze dell’ordine, al loro arrivo, avevano trovato una sola pistola, ma poi durante i rilievi è stata trovata una seconda pistola, nascosta sotto il corpo di lui. Le armi erano regolarmente tenute e risulta sparato un solo colpo da ognuna. Per il medico legale si tratta di suicidio. 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Shutterstock


LA FABBRICA DEI SOGNI di Chiara Sani. Eva Green si schiera pubblicamente a favore di Johnny Depp

Vergogna ad Avellino, calciatore costretto da un gruppo di ultras a denudarsi: “Non sei degno, adesso ti spogli”. L’agguato mentre tornava a casa