Con un annuncio su Instagram, il parrucchiere delle dive oramai prezzemolino nei salotti di Barbara D’Urso, ovvero, Federico Fashion Style, ha comunicato che non starà con le mani in mano a causa delle nuove restrizioni anti Covid che hanno portato la chiusura dei suoi centri e se ne andrà in Sardegna a lavorare.

Federico Lauri, questo è il vero nome dello stylist, partirà infatti con un tour che inizierà sabato 20 marzo e che finirà il 27 e che lo porterà da Iglesias a Olbia passando per Quartucciu, Cagliari, Oristano, Alghero e Sassari. L’iniziativa non è stata colta bene dagli abitanti locali che nei riguardi del parrucchiere hanno il dente avvelenato da quando, contratto il Covid questa estate, Lauri fece passare i sardi per untori:

“Stai a casa tua”, “Abbi rispetto per i nostri parrucchieri”, “Perché venire dalla zona rossa in Sardegna? Evita!”, sono alcuni dei commenti al veleno pubblicati sotto al post del parrucchiere il quale ha motivato la decisione così:

“Amo il mio lavoro! Come tutti certo, ma il mio lavoro si confonde e si mischia con la passione , la passione mi rende vivo! Per questo ho deciso in questo periodo di chiusura dei miei saloni situati in zona rossa di andare in Sardegna e organizzare il lavoro in massima sicurezza. Sento il bisogno di non dovermi fermare , perché solo quando esprimo la mia arte io sono FELICE”.

 

Di fronte alle tante perplessità dei sardi che non vedono di buon occhio la scelta di partire da una zona rossa, Federico Fashion Style ha spiegato il tutto  per calmare le acque:

“State tranquilli, chi arriva dalla zona rossa come me deve fare il tampone e iscriversi al portale della Sardegna. Io farò il tampone il giorno prima di partire. State assolutamente tranquille”.

Ma si sa che fine fece “tranquillo”, no?

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Iscriviti al GRUPPO OA PLUS

 

 

Crediti Foto: federico_fashion_style/instagram


Serale di Amici. Squadre divise in tre e capitanate dai professori. Ecco il nuovo meccanismo

Sanremo 2022: Ipotesi Renzo Arbore e Mara Venier alla conduzione