State pensando di addebitare la separazione al coniuge per tradimento? Attenzione a questa ordinanza della Cassazione

La moglie infedele ed il marito che chiede l’addebito della separazione a lei per tradimento; il no della Cassazione attraverso un’ordinanza (11.130/2022). Motivazione? Il tradimento era conseguenza diretta di una crisi nel rapporto: “Una persona felice del proprio rapporto di coppia non tradisce“.

“L’accertamento dell’anteriorità della crisi coniugale prevale ed è causa di estinzione dell’obbligo di fedeltà derivante dal matrimonio“. Nel caso specifico riportato da ‘Libero’, La donna si era rivolta ad uno psicologo per tentare di risolvere i problemi coniugali e, per ammissione dello stesso marito, aveva modificato il suo ‘modus vivendi’.

Un referto medico antecedente il tradimento è dunque da ritenersi prova, per dare liceità al tradimento. Se c’è crisi coniugale con conseguente infelicità di uno dei due coniugi, il tradimento secondo questa ordinanza della Cassazione, è dunque ammesso.


Perugia, le corna finiscono in Tribunale. Chiede 600 mila euro di risarcimento all’amante della moglie: “L’ha istigata a tradirmi”

Cadavere senza testa nel Po, gli indizi portano ad Alice: è della campionessa 27enne di tiro a segno scomparsa da Ancona il corpo decapitato?