La ragazza era scomparsa l’11 marzo scorso dopo una festa in provincia di Ancona

Si fa strada l’ipotesi che il corpo orrendamente fatto a pezzi e senza testa trovato nel Po, a Occhiobello (Rovigo), in un sacco individuato lunedì mattina da un tecnico che stava scandagliando le sponde del fiume con il suo barchino, possa essere di Andreea Alice Rabciuc.

La 27enne campionessa di tiro a segno era scomparsa l’11 marzo dopo essere stata ad una festa in un casolare in provincia di Ancona, a Maiolati Spontini.

Carnagione molto chiara, un metro e 60, ma soprattutto i capi di vestiario che aveva addosso potrebbero ricondurla proprio al cadavere ritrovata nel Po lunedì, e che secondo gli inquirenti sarebbe stato in acqua meno di un mese.

Si tratta al momento soltanto di un’ipotesi, che verrà vagliata con più attenzione nelle prossime ore, proseguendo con le analisi di un corpo che, così orrendamente mutilato e consumato dall’acqua, risulta ancora un enigma complicatissimo per gli inquirenti.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Foto: facebook

TAG:
Andreea Alice Rabciuc cadavere nel Po corpo decapitato Occhiobello

ultimo aggiornamento: 08-04-2022


Cassazione: “Corna ammesse in questo caso”

Amici 2021, dopo le polemiche con la Celentano, parla la Professoressa di liceo di Nunzio: “Si è diplomato con il massimo dei voti e vuole laurearsi. La Celentano dovrebbe scusarsi”