Causa adulterio, ha chiesto come risarcimento 600 mila euro, ma non alla moglie, madre dei suoi figli, bensì all’amante presunto di lei, reo di averla “istigata a tradirmi”. Come? Semplice, “ha iniziato a farle regali, a corteggiarla in maniera incalzante, (…)facendola allontanare di casa pomeriggi interi e pure di sera, senza una spiegazione neanche ai bambini. Avevamo una bella famiglia che si è distrutta per colpa di lui”.

Luogo del ‘misfatto’, Deruta, nel perugino, ed è proprio al tribunale di Perugia che, come riportato da Il Messaggero, l’uomo ha chiesto il maxi-risarcimento rivolgendosi alla Corte d’appello di Perugia nonostante i giudici di primo grado di Spoleto avessero già rigettato la sua domanda.

L’uomo ha prodotto, a suo dire, un’ampia documentazione dell’adulterio, compresi post su facebook nei quali, sempre a detta sua, moglie e amante lo sbeffeggiavano.

I giudici, però, non l’hanno pensata allo stesso modo, e l’uomo presunto tradito non solo non ha ottenuto i 600mila euro che richiedeva ma sarà costretto a pagare migliaia di euro per le spese legali. I giudici hanno parlato nelle motivazioni di “nessuna responsabilità (dell’amante, ndr)  per la fine di un amore”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: shutterstock

TAG:
adulterio amante corna Deruta Perugia risarcimento

ultimo aggiornamento: 07-04-2022


Ragazzina di 14 anni trovata morta accoltellata in strada ad Oviedo

Cassazione: “Corna ammesse in questo caso”