Per Marco Carta, ex vincitore di Amici e di Sanremo, sembrava finito il periodo terribile. Come ricorderete e come qui scritto, il cantante sardo, assieme ad una sua amica, era stato accusato di avere rubato 6 magliette alla Rinascente, reato per cui ,il pm Nicola Rossato, aveva chiesto otto mesi di carcere e una multa di quattrocento euro, ma lui si era da sempre detto innocente, tanto da andare a gridare la sua estraneità dei fatti in tv da Barbara D’Urso. Carta, dopo aver chiesto il rito abbreviato, è stato assolto. Emozionato e felice aveva detto Adesso posso riprendere ancora più forte la mia musica e le mie giornate, ora posso tornare a sorridere”

Voci di corridoio, infatti, davano il cantante come uno dei concorrenti del Festival Di Sanremo 2020; alla notizia da noi data, non era seguita nessuna conferma e nessuna smentita, motivo per cui, si è creduto che, quantomeno, la trattativa fosse in corso.

Purtroppo, però, la notizia arrivata in queste ore, smonta tutta la felicità di Carta: Il PM, ha fatto ricorso e ha chiesto di riaprire il caso. La motivazione riguarda le placchette antitaccheggio: secondo il Giudice, rimuovendole e avendole nascoste in bagno, avrebbe indubbiamente contribuito al furto, atto confermato da un testimone oculare. Per lui è colpevole e va condannato.

Tutto da rifare, quindi, per Marco, ma, soprattutto, una notizia terribile da sostenere sotto le feste, e che,  in vista del Festival di Sanremo targato Amadeus, potrebbe contribuire ad interrompere le “eventuali” trattative in corso ad una sua partecipazione.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Musica Internazionale. Red Hot Chili Peppers: John Frusciante è rientrato nel gruppo!

Tv, Musica. Lisa, contro Amadeus: “Fammi fare la cantante”