Di Gerardo De Vivo

Missione compiuta, ma la spedizione continua. Amadeus ha portato a termine la sua rivoluzione silenziosa, adesso Sanremo è davvero anche il Festival della Canzone Italiana e non più solo la principale trasmissione tv della Rai. Una trasformazione che viene da lontano, iniziata sotto traccia nell’ultimo Fazio, 2013-2014, lentamente emersa con l’era Conti e con forme e modi diversi nel biennio Baglioni, continuata e portata a termine da Amadeus: da Festival a Festa della musica, a Sanremo son benvenuti tutti, senza distinzione d’età. Il simbolo più evidente è il podio trans generazionale: Mahmood e Blanco, Elisa, Gianni Morandi, tre generazioni forse non solo per caso in ordine crescente d’età. I ‘vecchi’ fanno pian piano spazio a giovani, ma senza abdicare, anzi, accompagnandoli. Un processo che nella musica avviene da sempre, ma che il Festival non riusciva ad intercettare, troppo chiuso nella sua confort zone, con un occhio costante all’auditel da ammaliare con gli schemi consolidati delle grandi produzione televisive. Amadeus è far diventare realtà quello che sembrava solo un suo ottimistico slogan. “La musica fa audience”. Vero. E per concretizzarlo, paradossalmente, ha scelto di non pensare all’audience ma all’arte, portando all’Ariston l’attualità musicale. E così ha catturato anche gli spettatori della fascia 15-24 anni per uno spettacolo che dal punto di vista degli introiti aveva vinto prima di iniziare, con la raccolta pubblicitari record di 42 milioni. Poi, tutto il resto: la conduzione meno istituzionale, la sua capacità di improvvisare finora meno nota, alcune presenza femminili che hanno aggiunto interesse, Drusilla Foer su tutti, ultima ma non ultima la voglia del Paese di ripartire. L’Amadeus quater è dichiaratamente inevitabile per la Rai, lui per ora nicchia, ma intanto il Festival è diventato il suo Festival.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

 

 


SANREMO 2022. Le pagelle della Finale. Mahmood e Blanco vincono un Festival di alto livello

La Rappresentante Di Lista si candida all’Eurovision per… San Marino e il Vaticano