Sanremo Giovani 2020
Crediti Foto: The Andre (Pagina Ufficiale Facebook)

Sono diversi i nomi già noti che si sfideranno per un posto tra i giovani di Sanremo 2021, tra loro, il più enigmatico e imprevedibile è senza dubbio, The Andre.

The Andre si affaccia in totale anonimato nel panorama musicale con una sorta di gioco: interpretare pezzi contemporanei trap con la stessa voce e lo stile di Fabrizio De André per pubblicarli su YouTube. Il successo è istantaneo, con chitarra alla mano e una voce assai simile a quella del grande maestro del cantautorato italiano interpreta “Habibi” di Ghali, “Cono gelato” e “Sportswear” della Dark Polo Gang, “Rockstar” e “Tran tran” di Sfera Ebbasta, “Giovane fuoriclasse” di Capo Plaza, “blun7 a swishland” di Tha Supreme ma anche brani indie come “Orgasmo” di Calcutta, “Faccio un casino” di Coez e “Mi sono rotto il c…o” de Lo Stato Sociale, fino al duetto con Dolcenera su “Cupido” (sempre di Sfera Ebbasta). Con queste cover svela e porta in superficie i testi e le melodie nascoste sotto elaborate produzioni trap o sgangherati arrangiamenti indie.

Arriva poi la svolta con il primo album di inediti “THEMAGOGIA – Tradurre, tradire, trappare“, in cui il gioco iniziale lascia spazio ad una forma e un percorso molto personale, sempre con lo sguardo lucido e appassionato puntato verso Faber, di cui è ovviamente grandissimo fan.

Chissà come supererà l’aspetto dell’anonimato in previsione delle audizione live del 19 e 20 ottobre a Roma durante i quali verranno scelti i 20 artisti, tra gruppi e artisti singoli, che parteciperanno alle “semifinali” in diretta, nella trasmissione condotta da Amadeus “AmaSanremo”, nei suoi concerti solitamente non svela mai il suo volto e con semplici ma efficaci effetti di luce e ombre, cappuccio in testa e occhiali scuri, punta tutto sul suo talento di interprete e chitarrista.

Per il Festival di Sanremo 2021 propone “Dostoevskij“, un titolo che è già un programma, che segue il singolo “Captatio benevolentiae” uscito lo scorso marzo in cui canta “Da ironico a patetico il passo è breve/Eri partito così bene fra/Avevi un’idea originale e l’hai buttata (…) È inutile che cerchi di darti un po’ di smalto/Se c’hai cose da dire valle a dire a qualcun’altro/E facci l’ultima di Marra con la voce di De Andrè/Vuoi essere te stesso? ma che me ne frega a me“, insomma un’autoaccusa ironica che forse troverà risposte nel nuovo brano.

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS